Intervista ad Angelo Hu

Angelo Hu ha 18 anni e da poco ha ottenuto la cittadinanza italiana. Ama cantare e ascoltare la musica, ma più di tutto ama la politica.

“Della politica mi piace la possibilità di votare, il concetto di democrazia che permette persone d’ideologie diverse di concorrere in politica, persone che non hanno mai avuto esperienze precedenti che possono partecipare ed entrare attivamente in politica, per proporre magari idee nuove. E non lasciare i soliti candidati che vengono lì scelti dall’altro, come avviene in Cina, ma anche in Italia con i partiti più grandi come il PDL e il PD”.

Nato a firenze è da sempre vissuto a Campi Bisenzio, al liceo classico ha preferito poi ragioneria, dove si è infine diplomato. Quando può aiuta il padre a lavoro. La cittadinanza italiana l’ha presa il 9 aprile scorso, “presa una decina di giorni prima che si chiudessero le liste per il partito sinistra ecologia e libertà”.

  • Come è nata la tua carriera politica? 

Da sempre ho avuto interesse per la politica. La mia prima esperienza in politica è stato quando ho collaborato lo scorso anno alle primarie di Campi Bisenzio per il candidato sindaco del centro sinistra Nadia Conti.

Poi questa primavera sono stato nuovamente contattato da SEL e ho accettato la loro richiesta d’adesione, perché da sempre sono stati un partito a favore degli immigrati a favore dell’integrazione non di quelli un po’ si e un po’ no come fanno quelli del PD.  Ed essendo sempre stato io un ragazzo di centro sinistra ho ritrovato me stesso nel partito di Vendola.

  • A che età hai iniziato a interessarti di politica? 

Già a 12 anni seguivo le vicissitudini politiche. Perché mi piaceva seguire le elezioni, il voto e le campagne presidenziali americane. È dal 2006 quando fu eletto Prodi.

  • Che contributo vorresti dare con la tua presenza in politica? 

Attualmente a livello locale  abbiamo avuto un assessore uscente per la comunità cinese che è Giada Lin, che è stata un ottimo segnale politico. Io vorrei dare un altro segnale aggiuntivo: le seconde generazioni, i figli degli immigrati, hanno diritto ad una rappresentanza e, anche se all’esterno posso apparire molto italiano almeno nel carattere, penso di poterli rappresentare bene.

  • Quali sono i vostri impegni recenti? 

Al momento noi stiamo facendo la campagna elettorale, quindi volantinaggio andare nelle piazze il sabato pomeriggio, parlare con la cittadinanza, apericene per raccogliere fondi per il partito, partecipare ai dibattiti.

Malia Zheng

 

 

Posted by on 18 maggio 2013. Filed under Approfondimenti, Prima Pagina. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

4 Responses to Intervista ad Angelo Hu

  1. Cioè, la Cina ha uno dei migliori modelli politici al mondo, altamente meritocratici, e questo ragazzo invidia il concetto di democrazia italiana?
    Io invidio la meritocrazia del PCC, altro che quella italiana..

  2. scusa davide sei per caso mai andato a vivere in cina

  3. Pingback: Angelo Hu iscritto al partito SEL di Campi Bisenzio » Incontri ravvicinati - Blog - Repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *