Visualizza post - Gia_76

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Gia_76

Pagine: 1 ... 19 20 [21] 22
301
Attualità /
« il: 05 Agosto, 2008, 17:41:40 pm »
Questo fatto conferma la moralità dei cinesi rispetto al marciume dei "diritti" che piace tanto qui in Occidente.
 
Figuratevi che in Olanda c'è un partito che sostiene la pedofilia, in Germania un tribunale ha ammesso l'incesto tra fratello e sorella, sempre in Olanda è ammesso il sesso nudi nei luoghi pubblici, le lesbiche possono fare figli comprando spermatozoi e generando un bambino senza padre nel modo più innaturale possibile, e infine, cosa più bella di tutte, queste cose sono indicate come progresso, civiltà e modernità.

Per fortuna che nel mondo c'è l' RPC.  :-D

302
Arte - Cultura - Storia /
« il: 28 Luglio, 2008, 18:38:02 pm »
A me che sono italiano fa impressione l'idea di mangiare formiche e/o scarafaggi, ma è solo una questione culturale, difatti da noi mangiamo e li consideriamo anche prelibatezze, certi frutti di mare ancora vivi e non cotti, tipo le famose ostriche, e ancor peggio i ricci.
I ricci sono un frutto di mare sferico pieno di spine all'esterno, lo si taglia a metà, si mette sul piatto, e si mangia l'interno, con le spine poggiate sul piatto che si muovono ancora perché il mollusco è ancora vivo...

303
Attualità /
« il: 08 Luglio, 2008, 16:08:12 pm »
Interessante che dal sondaggio sembrano più gli uomini cinesi a voler sposare donne italiane che non donne cinesi a voler sposare italiani.
E' un dato in controtendenza con la media dei matrimoni misti, dove di solito è l'uomo occidentale che sposa donne di altre culture.

Da italiano, una cinese la sposerei più che volentieri, almeno dall'idea che mi sono fatto di loro. E' certo però che prima dovrei comunque conoscerle meglio le cinesi...

304
Attualità /
« il: 08 Luglio, 2008, 16:02:52 pm »
Mah non mi sembra il caso di drammatizzare.

E' pieno di pubblicità con luoghi comuni su altre culture, ex. la pubblicità Lavazza col tedesco che ha inventato l'orologio/macchina per caffé, il cinese che tarocca il caffé rendendolo d'oro, l'americano texano con i litri di roba annacquata che sarebbe caffé, etc.

Anche nel caso della pubblicità di R.Gere non ci vedo nulla di terribile, mi sa di inutili paranoie: ha solo guidato una macchina in Tibet e giocato con un bambino tibetano. Non mi sembra che questa sia un'istigazione alla ribellione contro la Cina e all'indipendenza del Tibet.

305
Attualità /
« il: 04 Luglio, 2008, 14:28:28 pm »
Votato: sono cristiano. Ma sono anche molto interessato alle religioni orientali, soprattutto confucianesimo (la più simile al cristianesimo), e buddismo.

306
Attualità /
« il: 01 Luglio, 2008, 15:31:57 pm »
Citazione da: "cilex"
perchè in Italia^????? :?
Beh in Italia siamo quattro gatti (espressione popolare italiana per indicare che siamo pochi) rispetto ai cinesi: il controllo è più facile. Infatti a parte qualche buontempone/psicopatico leghista nella sua breve storia l'Italia non ha corso e non corre rischi di spinte secessioniste.

Nel merito della questione "corruzione politica" penso inoltre che in Italia, per quanto diffusa, il problema è limitato quasi esclusivamente a questioni di tipo economico, senza omicidi,etc., ad eccezione delle regioni controllate dalla mafia, dove invece le eliminazioni fioccano, anche con mandanti politici, ovviamente più o meno intoccabili dalla magistratura e grazie alla Corte di Cassazione in primis (ex. Andreotti, ma anche tanti altri).

Sulla Cina odierna non so, non la conosco abbastanza per giudicare, ma la mia impressione, stando ai libri che ho letto di storia e letteratura è che nel passato feudale la Cina fosse parecchio più corrotta dell' Occidente,anche a causa dell'autoritarismo, e che dunque inevitabilmente certi malcostumi siano duri da estirpare, anche dopo le tante rivoluzioni del secolo scorso. Quanto oggi il problema sia diffuso però non lo so, siete voi cinesi a dovermi informare.  :-D

307
Attualità /
« il: 30 Giugno, 2008, 12:38:01 pm »
Brr.. Una storia terribile di corruzione e sopruso!

Sembra presa paro paro dal classico "Racconti in riva all' acqua". Solo che lì era descritto il declino di una società feudale, mentre oggi siamo nel ventunesimo secolo e certe cose sono intollerabili. Qui ci vuole il Donatore di Pioggia dello Shantung!  :-D

Tra l'altro il fatto che sia una storia di provincia peggiora le cose, perché da quel poco che so di storia della Cina mi pare che storicamente i problemi politici sono nati sempre a causa della corruzione e del mancato controllo delle zone periferiche, che sfuggivano al controllo.

308
Attualità / La Cina cerca di controllare il tempo meteo
« il: 19 Giugno, 2008, 17:47:51 pm »
Beccatevi sta news.  :D

Clikka qui

La fonte è la rivista scientifica Nature, quindi è attendibile.

309
Generale /
« il: 16 Giugno, 2008, 17:03:16 pm »
Mmh sento puzza di bruciato. Se l'Olanda perde con la Romania elimina sia Francia che Italia in vista delle semifinali.

Cmq sull'Italia, felice di sbagliarmi, ma ci contavo/conto pochissimo per quest'europeo.

Pazienza c'è sempre il Portogallo, con un calcio alla brasiliana...

310
Attualità /
« il: 13 Giugno, 2008, 14:07:28 pm »
Citazione da: "luca_82mi"
Citazione da: "Dubbio"
Il controllo sulla morale della società è una delle modalità più efficienti per la conservazione del potere.

mmmmm interessante...! mi potete fare degli esempi concreti?
Ad esempio qui in Occidente la televisione e i media invitano la gente a spendere, a consumare, a fregarsene degli altri e delle relazioni con essi -a partire dalla famiglia fino ai rapporti di lavoro, etc.-,a disprezzare la cultura seria, a promuovere invece la spazzatura tipo ballerini/cantanti/tronisti rispetto al sapere scientifico, a non fare un ca**o nella vita, specie se si è giovani, a vivere il sesso come animali, a condannare come "cattivi/autoritari/antimoderni" tutti i paesi del mondo dove, grazie al cielo, NON vigono queste regole, a esaltare la nostra società come super libera, la migliore del mondo e unica possibile, a nascondere i danni che le nostre politiche economiche e militari causano al resto del mondo, etc.
 
Fin qui devo dire che la propaganda riesce bene,stando agli eccellenti risultati ottenuti  :-D

311
Arte - Cultura - Storia / Opere letterarie cinesi (a Roma)
« il: 06 Giugno, 2008, 17:44:33 pm »
Qualcuno mi potrebbe indirizzare su dove trovare, a Roma, testi letterari cinesi famosi, classici?

Fin qui ho recuperato, tutti in italiano, Il Sogno della Camera Rossa (hong lou meng, il mio libro preferito), I Briganti (shui qualche cosa), Lo Scimmiotto  (xun wukong?), il Ching Ping Mei (questo lo devo ancora leggere).

Vorrei trovare Il Romanzo dei Tre Regni (san gu? etc.)e se possibile, qualche altro classico che ignoro.
A proposito se mi consigliaste qualche altra opera letteraria cinese famosa mi fareste cosa gradita...

Grazie in anticipo.  :-)

312
Presentazioni /
« il: 06 Giugno, 2008, 17:34:06 pm »
Grazie a tutti.  :D


Rispondo a Wen sul Tibet. Il Tibet è una delle pochissime cose dove non sono pro-Cina al 100%...diciamo all' 80%  :-D
Nel senso che credo che sia giusto per ragioni demografiche e storiche che faccia parte della Cina, e che oggi sarebbe una catastrofe lo smembramento del Paese (era la vecchia politica delle potenze coloniali occidentali), tuttavia credo che sarebbe giusta una maggiore autonomia e libertà religiosa dei tibetani all'interno della Cina, perché non è giusto che una cultura più forte ed evoluta si mangi una più debole e arretrata, io sono per il multiculturalismo.
Il fatto che la situazione sia ancora relativamente tranquilla fa pensare che la maggioranza del popolo tibetano non è contraria al governo cinese.
 
Solo se il Tibet dovesse "palestinizzarsi" con morti e scontri giornalieri allora non appoggerò più il governo cinese e il Tibet sarà perduto, perché è storicamente impossibile controllare un paese quando tutta la popolazione si ribella contro, anche se dotati di un esercito formidabile. Esattamente come in Israele, che sarà prima o poi costretto ad andarsene dai Territori Occupati, o con le buone o con le cattive.

313
Citazione da: "yang"
In tutto, più di 70 milioni di persone persero la vita sotto il governo di Mao, e questo in tempo di pace.
Basta questo per dire l'attendibilità del libro. Mi sembrano le classiche cifre gonfiate per alimentare discorsi tipo "i comunisti hanno ucciso più dei nazisti".

Anzitutto va detto che durante la guerra civile molti civili morirono per combattere i giapponesi (30 mln di uccisi dai giapponesi) ma soprattutto non si possono mettere sullo stesso piano i morti dovuti a repressioni/stermini con quelli dovuti a crisi economiche (grande balzo in avanti). Altrimenti cosa dovremmo dire? Il capitalismo ha ucciso miliardi di persone contando le carestie durante le recessioni? Il Grande Balzo in Avanti fu un chiaro errore, ma motivato da una disastrosa arretratezza feudale che andava eliminata, e in questo Mao riuscì. Basta vedere come la popolazione in Cina crebbe più velocemente che in India negli anni di Mao, quindi le cose non furono così negative. Ma ovviamente tutti a dire..Mao ha ucciso un sacco di gente...l'India era perfetta perché democratica..etc.  :roll:  

Citazione da: "yang"
o se pensate sia un libro pieno di bugie!
Bingo!   :!:

314
Attualità /
« il: 05 Giugno, 2008, 18:17:41 pm »
Secondo me la Cina è ancora comunista, e nel modo migliore, dove comunismo = interesse al bene comune e, anche, freno all'individualismo.

Ci? che è stata abbandonata è la vecchia visione marxista-leninista comunismo=lotta di classe, in favore di una visione più moderna e cinese di comunismo= armonia e bene comune, con un occhio di riguardo alla meritocrazia.
Nelle società moderne infatti, altamente scolarizzate, le classi in pratica non esistono più, ci sono solo individui che diventano più o meno ricchi in base al merito e alle opportunità che gli sono offerte, come diceva Deng "arricchirsi è glorioso", l'importante è che l'interesse generale rimanga prioritario sul bene particolare di queste persone. Tra l'altro la mobilità sociale dovuta alla meritocrazia (ex. i vecchi esami confuciani) e l'armonia sociale sono da tempo una caratteristica cinese.

Allo stesso tempo lo studio ancora attuale del marxismo pone l'accento sul problema dei più deboli della Cina odierna e dello sviluppo di tutto il paese, a differenza degli altri sistemi asiatici di decenni fa (Taiwan, Indonesia, S. Korea, etc.). Secondo me infatti il sistema cinese, pur autoritario, non scade né nella legge del più forte, che uccide il merito e la mobilità sociale, né nella concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi imprenditori che lavorano a briglia sciolta, né in un copiare i modelli occidentali e americani in particolare. Importante il tal senso è il fatto che cira l'80% del credito è controllato direttamente dallo stato, cosa impensabile in un qualsiasi paese capitalista, e ci? previene uno sviluppo incontrollato dell'economia.


Cmq il mio giudizio positivo sulla Cina è anche perché non amo per niente i sistemi liberaldemocratici in cui sono vissuto, dove vedo solo trionfare l'individualismo su tutte le forme di relazione umana esistente (famiglia, economia, bene comune inesistente, diritti e non doveri, etc.) e quindi spero che in Cina, che una liberaldemocrazia non è, le cose siano migliori... però non possso dirlo con certezza perché non ci ho mai vissuto...

315
Presentazioni /
« il: 05 Giugno, 2008, 15:26:21 pm »
Citazione da: "wen"
Cosa ne pensi dell Tibet sotto il governo cinese?   :-D
Da che punto di vista?

Pagine: 1 ... 19 20 [21] 22