presto il dalai lama in pensione - page 3 - Attualità - Associna Forum

Autore Topic: presto il dalai lama in pensione  (Letto 4882 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #30 il: 23 Novembre, 2010, 08:02:03 am »
nuova conferma che l'"itente" redivivo ha immense difficoltà con la lingua italiana, dato che io avevo scritto:

"dal 1959 non esiste più né servaggio della gleba né proprietà feudale dei monasteri, ecc. "

e lui crede di contraddirmi scrivendo:

"solo dal 1959 con l'arrivo dele truppe della RPC decaddero servaggio della gleba, propietà feudale ecc.ecc. mentre prima con le truppe cinesi dei Ming e dei Qing questo era ampiamente permesso "

é ovvio che io mi riferissi (ho scritto la data) alle truppe cinesi della RPC, quelle ingiustamente accusate dagli occidentali filoDalai Lama di ogni nefandezza nei confronti delle "millenarie tradizioni tibetane" che non erano millenarie affatto, in parte neppure tibetane e comunque contraddistinte appunto da un sistema teocratico schiavista che tutte le dinastie imperiali ovviamente non misero mai in discussione....(come del resto non lo misero in discussione né la diplomazia britannica, interessata semmai alle possibilità di conquista del tibet per l'Impero Britannico, né gli alleati della Repubblica di Cina in epoca pre-1949, ossia gli yankees....).
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #31 il: 23 Novembre, 2010, 10:46:12 am »
Citazione da: "cavallo"
sulle contraddizioni del dalai Lama sulla reincarnazione ti ho risposto, sulla "superstizione" (termine da me non ysato) pure, ora riassumo sulla "teocrazia schiavista":

tu chiedi:
"cioè erano schiavi tutti di qualcuno?
in che senso'?
i monaci dovevano dare soldi a qualcuno?
la popolazione asservita ai monaci o erano felici?"

la teocrazia lamaista tibetana prevedeva il seguente meccaniosmo:
* i monasteri erano proprietari dell'85% delle terre e dei greggi ed erano guidati da una aristocrazia di monaci perfino somaticamente diversi dal popolo e dal basso clero (i primi alti e di pelle chiara, i secondi piccoli e di pelle scura) grazie ad una selezione di casta rigidissima;
* una parte dei bambini maschi del popolo venivano reclutati per diventare mobaci (ed erano regolarmente abusati sessualmente nella fase di iniziazione perché il tantrismo prevede la "crescita attraverso il sacrificio e la sottomissione");
* l'80% della popolaZionee (ossia esclusi opltre alle migliaia di monaci gli artigiani) era composta da SERVI DELLA GLEBA proprietà dei monasteri assieme alla terra;
* le punizioni per il non pagamento delle decime, il rifiuto del lavoro gratuuito a corvée, ecc. erano spaventose (mutilazioni, accecamenti, ecc.);
* la gente del popolo era indotta a credere che ogni sofferenza fosse una forma di elevazione spirituale e di graduale fuoriuscita dal ciclo delle rinascite e pertanto non era "felice" ma accettava come inevitabile questo percorso (prova a chiederti se era "felice" il popolo azteco soggetto a riti di strage e cannibalismo non riservati solo ai nemici....e ricorda che una religione fa accettare cose incredibili....);
* operatori rituali della cultura prelamaista ("bon") e delle tendenze lamaiste sconfitte in sanguinose guerre nei secoli ("berretti rossi") erano perseguitati, torturati a morte, assassinati.

é questa la società che esistette in Tibet fino all'arrivo delle truppe cinesi........
una società che trov? non a caso l'ammirazione entusiastica delle missioni inviate in Tibet da Himmler e composte di ufficiali delle SS.......che vedevano degli aristocratici dell'élite monastica come prova vivente della sopravvivenza degli "ariani puri".......

in passato ho fornito TUTTI i links su questi elementi, compresi quelli a foto, dati, ecc. e non vorrei ripetermi....


come tutti possono vedere e anche tu che fai il maestrino e consigli ad altri dizionari o studi della lingua italiana non fai nessun riferimento al 1959...

ma è tipico del tuo confrontarti quando ti rendi conto di aver scritto panzane dire che ti riferivi ad altro ed ataccare il tuo interlocutore che ti ha fatto notare l'errore nel modo più pacifico possibile
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da vascoexinhong »

Gia_76

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 319
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #32 il: 23 Novembre, 2010, 11:27:25 am »
Sarei curioso di sapere cosa ne pensa l'utente Dalai, questa del Lama pu? essere una mossa di distensione. Mi auguro che la Cina faccia altrettanto non demonizzandolo più.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Gia_76 »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #33 il: 23 Novembre, 2010, 11:33:32 am »
"utente" redivivo, pèerché non fai la fatica inenarrabile di leggere anche il mio post successivo, dove la data 1959 appare, PRIMA che la citassi tu?

così eviti di scrivere ulteriori panzane e di dimostrare che non sai di che parli
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

libero

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.400
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #34 il: 23 Novembre, 2010, 17:55:52 pm »
Il Dalai Lama conferma: ôIn pensione, da politico, entro 6 mesiö
Il leader del buddismo tibetano ôgialloö non pu? andare in pensione; pu? invece ritirarsi gradualmente dalla vita politica. Un processo, per la verità, iniziato nei primi mesi del 2001: da allora è il Parlamento tibetano in esilio a decidere sulle politiche regionali
http://www.asianews.it/notizie-it/Il-Da ... 20072.html
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da libero »

libero

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.400
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #35 il: 27 Novembre, 2010, 11:45:38 am »
Tibet: governo in esilio, tempi lunghi per ritiro Dalai Lama
Il ritiro del Dalai Lama dalla vita pubblica sarà molto più lungo di quanto previsto dallo stesso leader spirituale dei tibetani in una recente intervista televisiva in cui ipotizzava di andare in ½pensione? tra sei mesi.
http://www.bluewin.ch/it/index.php/564, ... stero/sda/
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da libero »

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #36 il: 23 Febbraio, 2011, 15:15:16 pm »
Battaglia per la successione al Dalai Lama
Pechino vara una legge: "Deve nascere in Cina"
http://www.repubblica.it/esteri/2011/02 ... -12801933/
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da vascoexinhong »

libero

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.400
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #37 il: 10 Marzo, 2011, 11:20:13 am »
Dalai Lama rinuncio al mio ruolo politico
http://www.agichina24.it/repository/cat ... rnazionale

News: Le dimissioni del Dalai Lama
http://www.china-files.com/it/link/9129 ... dalai-lama

Il Dalai Lama rinuncia al suo ruolo politico
Rimarrà nel suo ruolo spirituale. Il leader politico del governo tibetano sarà eletto democraticamente. I leader cinesi devono avere più trasparenza e per questo c’è bisogno di libertà di stampa e di espressione
http://www.asianews.it/notizie-it/Il-Da ... 20988.html
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da libero »

libero

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.400
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #38 il: 10 Marzo, 2011, 17:05:40 pm »
Le dimissioni del Dalai Lama e il loro contesto politico
http://www.china-files.com/it/link/9148 ... o-politico

Cina, Dalai Lama delega il potere politico
http://notizie.virgilio.it/notizie/este ... 80157.html
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da libero »

MBC

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.906
  • filosofo, fisico quantistico e genicologo
    • Mostra profilo
    • http://www.corriere.it/
(Nessun oggetto)
« Risposta #39 il: 10 Marzo, 2011, 18:04:53 pm »
Citazione da: "cavallo"

3) già nel 2008 l'attuale Dalai Lama ha dichiarato che il prossimo Dalai Lama potrebbe essere invece ELETTO dai soli Tibetani in esilio e ora dichiara che probabilmente si dimetterà: a te che sei antropologa non sfuggirà certo il fatto che queste due innovazioni CANCELLANO DEL TUTTO il principio della reincarnazione e quindi la legittimità stessa della carica spirituale (e del ruolo politico, che resta così nudo e crudo: quello di un capo partito separatista e nostalgico di un potere teocratico schiavista, come dice la RPC....) del Dalai Lama, distruggendone le basi ideologiche, teologiche, ecc.!!!!!! E questo é un attacco alle tradizioni lamaiste tibetane (che si proclama di voler difendere contro la "cattiva" RPC....) che mai la RPC si sarebbe sognata di fare, finora....; naturalmente un sistema religioso pu? evolversi (vedi l'Islam, la Chiesa Cattolica, ecc.) ma se esso (ad esempio come nel caso papale pre-1870 o dell'Islam sciita) produce un potere teocratico sulla base di un meccanismo di legittimazione sacra, al venir meno di quel meccanismo (per fattori esterni o interni) tale legittimazione viene anch'essa meno e il leader "religioso" diventa un semplice capo-partito e certamente non pu? assurgere a difensore di pseudo-tradizioni millenarie  che lui stesso ha rotto.....

sorvolo sui primi due punti, perche non ho voglia di venir trascinato in una polemica con uno che il Tibet lo ha studiato su un bignami, e che magari mi cita Parenti che la prima e unica cosa che ha scritto per qunto riguarda la cina è sul tibet e la "dittatura saingunaria" del DL.

Ma sul terzo punto, mi permetto di annotare due piccole cosette:

il dalai lama ha accettato molti compromessi, tra qui un autonomia al posto dell indipendenza (in passato) e ora ha fatto un altro passo indietro e riguarda ESCLUSIVAMENTE il suo ruolo politico, probablimente nella speranza che Pechino si ammorbidisca e che offra un autonomia stile hong Kong! E ripeto SOLO su quello. Mentre NON HAI MAI parlato del suo ritiro come carica spirituale e se il mentitore che sa di mentire cavallo mi trova un solo link che dimostri il contrario....


Intanto io metto un link, ma basta googlare e si scopre la verita
http://www.aolnews.com/2011/03/10/what- ... -tibetans/

 
Tra l altro il pseudo ricercatore cavallo sapendo di mentire, mostrando ancora una volta la poca serieta che lo caratterizza quando fa le difese in favore di Pechino a tutti i costi: un po come Berlusconi con Putin...

E quando mente in maniera a dir poco grottesca?  Quando afferma che Pechino non ha mai cercato di influenzare le  tradizioni lamaiste tibetane e forse dimentica, oltre a tutti gli scritti di TERZANI e pure Sisci che non ci va leggero quando parla dello stato di alcune minoranze in cina che:

-Lasa oramai grazie alle politiche mirate di immigrazione HAN di stile fascista in sud tirolo ha piu han che tibetani
-Pechino aveva vietato l immagine del Dalai Lama alla pololazione locale che incredibilmente, per Pechino, cerca a tutti i costi (anche dell incolumita fisica) di tenerle in casa.
-Pechino ha eletto il proprio dalai lama
-un bambino tibetano (il prossimo dalai lama) è da qualche parte in cina, ma nessuno sa precisamente dove...
- Tempo fa venne promulgata (in pieno stile taoista...)  una legge sulle reincarnazioni, e cioe che il prossimo dalai lama lo decide pechino dove si reincarna. Bisognera portare la domanda in carta bollata rigorosamente in cinese?...

Certo le minoranze hanno vantaggi che gli han non hanno, tipo non c e lesame d ingresso nelle universita, piu di un figlio, ecc ecc , in Tibet c e anche  il super-treno (chissa come mai una priorita...) e hotel lussuosi, oltre che decine di negozietti, la maggior parte in mano agli han...ma mi chiedo:


perche un occidentale ha bisogno di un visto per Lasa e un permesso all ufficio sicurezza nazionale per andare in vacanza a Lasa?Dico soltanto a Lasa, perche se uno vuole anche vedere il resto e non solo Lasaland,deve fare altri documenti...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da MBC »
C'è un elemento che ha rovinato questo forum. E' stato lasciato libero di agire usando modalità di dialogo che vengono usate in politica (ex PCI). Negare sempre tutto a favore dell'ideologia, mettere in bocca agli altri cose mai dette. Caos.

Rigira tutte le frittate e prende gli utenti per sfinimento. Che alla fine sbroccano.

Razzista contro gli italiani (è italiano), cerca di mettere indigeni e migranti l'uno contro l'altro. Creando divergenze.

E Associna ringrazia.

Il suo nick è cavallo.

TianYian

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 720
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #40 il: 10 Marzo, 2011, 18:31:35 pm »
Citazione da: "MBC"
Citazione da: "cavallo"

3) già nel 2008 l'attuale Dalai Lama ha dichiarato che il prossimo Dalai Lama potrebbe essere invece ELETTO dai soli Tibetani in esilio e ora dichiara che probabilmente si dimetterà: a te che sei antropologa non sfuggirà certo il fatto che queste due innovazioni CANCELLANO DEL TUTTO il principio della reincarnazione e quindi la legittimità stessa della carica spirituale (e del ruolo politico, che resta così nudo e crudo: quello di un capo partito separatista e nostalgico di un potere teocratico schiavista, come dice la RPC....) del Dalai Lama, distruggendone le basi ideologiche, teologiche, ecc.!!!!!! E questo é un attacco alle tradizioni lamaiste tibetane (che si proclama di voler difendere contro la "cattiva" RPC....) che mai la RPC si sarebbe sognata di fare, finora....; naturalmente un sistema religioso pu? evolversi (vedi l'Islam, la Chiesa Cattolica, ecc.) ma se esso (ad esempio come nel caso papale pre-1870 o dell'Islam sciita) produce un potere teocratico sulla base di un meccanismo di legittimazione sacra, al venir meno di quel meccanismo (per fattori esterni o interni) tale legittimazione viene anch'essa meno e il leader "religioso" diventa un semplice capo-partito e certamente non pu? assurgere a difensore di pseudo-tradizioni millenarie  che lui stesso ha rotto.....
sorvolo sui primi due punti, perche non ho voglia di venir trascinato in una polemica con uno che il Tibet lo ha studiato su un bignami, e che magari mi cita Parenti che la prima e unica cosa che ha scritto per qunto riguarda la cina è sul tibet e la "dittatura saingunaria" del DL.

Ma sul terzo punto, mi permetto di annotare due piccole cosette:

il dalai lama ha accettato molti compromessi, tra qui un autonomia al posto dell indipendenza (in passato) e ora ha fatto un altro passo indietro e riguarda ESCLUSIVAMENTE il suo ruolo politico, probablimente nella speranza che Pechino si ammorbidisca e che offra un autonomia stile hong Kong! E ripeto SOLO su quello. Mentre NON HAI MAI parlato del suo ritiro come carica spirituale e se il mentitore che sa di mentire cavallo mi trova un solo link che dimostri il contrario....


Intanto io metto un link, ma basta googlare e si scopre la verita
http://www.aolnews.com/2011/03/10/what- ... -tibetans/

 
Tra l altro il pseudo ricercatore cavallo sapendo di mentire, mostrando ancora una volta la poca serieta che lo caratterizza quando fa le difese in favore di Pechino a tutti i costi: un po come Berlusconi con Putin...

E quando mente in maniera a dir poco grottesca?  Quando afferma che Pechino non ha mai cercato di influenzare le  tradizioni lamaiste tibetane e forse dimentica, oltre a tutti gli scritti di TERZANI e pure Sisci che non ci va leggero quando parla dello stato di alcune minoranze in cina che:

-Lhasa oramai grazie alle politiche mirate di immigrazione HAN di stile fascista in sud tirolo ha piu han che tibetani
-Pechino aveva vietato l immagine del Dalai Lama alla pololazione locale che incredibilmente, per Pechino, cerca a tutti i costi (anche dell incolumita fisica) di tenerle in casa.
-Pechino ha eletto il proprio dalai lama
-un bambino tibetano (il prossimo dalai lama) è da qualche parte in cina, ma nessuno sa precisamente dove...
- Tempo fa venne promulgata (in pieno stile taoista...)  una legge sulle reincarnazioni, e cioe che il prossimo dalai lama lo decide pechino dove si reincarna. Bisognera portare la domanda in carta bollata rigorosamente in cinese?...

Certo le minoranze hanno vantaggi che gli han non hanno, tipo non c e lesame d ingresso nelle universita, piu di un figlio, ecc ecc , in Tibet c e anche  il super-treno (chissa come mai una priorita...) e hotel lussuosi, oltre che decine di negozietti, la maggior parte in mano agli han...ma mi chiedo:


perche un occidentale ha bisogno di un visto per Lasa e un permesso all ufficio sicurezza nazionale per andare in vacanza a Lasa?Dico soltanto a Lasa, perche se uno vuole anche vedere il resto e non solo Lasaland,deve fare altri documenti...


ma guarda che il tibet lamaista ( chiamato in Cina il "Vecchio tibet") era un paese dell'terzo Mondo, dove la gente moriva di fame e dove regnavano sporcizia, degrado e incuria, e la Lhasa degli anni '10 e '20 era una città dove erano diffusissime vere e proprie tendopoli di Stracci dove viveva la gente che pativa malnutrizione e sporcizia

l'Analfabetismo era endemico, c'era una ristretta casta e classe di ricchi e nobili che teneva sotto oppressione la popolazione povera locale,

e poi la riunificazione dell'Tibet alla Cina avvenne nell'1950 e quindi cavallo ahimè sta facendo confusione tra due date:

1950: le truppe Maoiste unificano il tibet, a opporsi solo le truppe fedeli alla Monarchia teocratica lamaista, mentre la popolazione locale accoglie le truppe Maoiste...
1959: rivolta dei nobili, dei potenti capi feudatari e dei Tibetani fedeli alla Teocrazia Lamaista, che mette a ferro e fuoco l'intera Lhasa e questo richiede uno scontro armato tra le truppe Maoiste e quelle tibetane (filo-lamaiste), dove si scoprono carichi di armi ed esplosivi dei monasteri...

ma i cinesi non sempre hanno fatto le cose giuste in Tibet...

per esempio, durante la Rivoluzione culturale, le "guardie Rosse" (milizie paramilitari maoiste)  distruggevano i templi lamaisti e fecero numerosi danni all'patrimonio artistico e culturale tibetano, bollando i reperti Buddhisti Tantrici come "Borghesi" o "controrivoluzionari" o "Feudali" o anche "Reazionari" ( si riferivano così anche verso il Taoismo, il Confucianesimo e la cultura tradizionale Han)

quindi, eviterei di criticare troppo la cina sull'tibet, tu MBC parli tanto di LhasaLand, non nego che ci sia, anzi, ma ci andrei piano,poichè ora molti tibetani hanno una casa normale, l'acqua corrente in casa e l'elettricità e i tibetani (secondo me, mia opinione) stanno meglio oggi che in passato...

e sull'Tirolo...

e sulle politiche di assimilazione dell'italia contro i SudTirolesi vennero applicate anche DOPO il Fascismo, fino agli anni '70, quando venne cessata l'attività terroristica dei terroristi separatisti altoAdesini, ma negli anni '50, gli altoadesini non se la passavano tanto bene, erano trattati come categoria di Serie B dalla (all'epoca) neonata repubblica costituzionale italiana.

( per esempio ti dice nulla la "NOtte dei Fuochi" o "Feuernacht", ti dice niente  la "Strage di Cima Vallona"?)

ma da quando c'e Silvio Berlusconi, gli indipendentisti tirolesi sono tornati forti e potenti, e hanno rialzato la testa e mostrato i muscoli, però evitando il terrorismo e la lotta armata ( per esempio il SVP - Sudtiroler Volkspart e un partito che sta guadagnano molti consensi in tirolo)
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da TianYian »

MBC

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.906
  • filosofo, fisico quantistico e genicologo
    • Mostra profilo
    • http://www.corriere.it/
(Nessun oggetto)
« Risposta #41 il: 10 Marzo, 2011, 18:38:28 pm »
Citazione da: "TianYian"
Citazione da: "MBC"
Citazione da: "cavallo"

3) già nel 2008 l'attuale Dalai Lama ha dichiarato che il prossimo Dalai Lama potrebbe essere invece ELETTO dai soli Tibetani in esilio e ora dichiara che probabilmente si dimetterà: a te che sei antropologa non sfuggirà certo il fatto che queste due innovazioni CANCELLANO DEL TUTTO il principio della reincarnazione e quindi la legittimità stessa della carica spirituale (e del ruolo politico, che resta così nudo e crudo: quello di un capo partito separatista e nostalgico di un potere teocratico schiavista, come dice la RPC....) del Dalai Lama, distruggendone le basi ideologiche, teologiche, ecc.!!!!!! E questo é un attacco alle tradizioni lamaiste tibetane (che si proclama di voler difendere contro la "cattiva" RPC....) che mai la RPC si sarebbe sognata di fare, finora....; naturalmente un sistema religioso pu? evolversi (vedi l'Islam, la Chiesa Cattolica, ecc.) ma se esso (ad esempio come nel caso papale pre-1870 o dell'Islam sciita) produce un potere teocratico sulla base di un meccanismo di legittimazione sacra, al venir meno di quel meccanismo (per fattori esterni o interni) tale legittimazione viene anch'essa meno e il leader "religioso" diventa un semplice capo-partito e certamente non pu? assurgere a difensore di pseudo-tradizioni millenarie  che lui stesso ha rotto.....
sorvolo sui primi due punti, perche non ho voglia di venir trascinato in una polemica con uno che il Tibet lo ha studiato su un bignami, e che magari mi cita Parenti che la prima e unica cosa che ha scritto per qunto riguarda la cina è sul tibet e la "dittatura saingunaria" del DL.

Ma sul terzo punto, mi permetto di annotare due piccole cosette:

il dalai lama ha accettato molti compromessi, tra qui un autonomia al posto dell indipendenza (in passato) e ora ha fatto un altro passo indietro e riguarda ESCLUSIVAMENTE il suo ruolo politico, probablimente nella speranza che Pechino si ammorbidisca e che offra un autonomia stile hong Kong! E ripeto SOLO su quello. Mentre NON HAI MAI parlato del suo ritiro come carica spirituale e se il mentitore che sa di mentire cavallo mi trova un solo link che dimostri il contrario....


Intanto io metto un link, ma basta googlare e si scopre la verita
http://www.aolnews.com/2011/03/10/what- ... -tibetans/

 
Tra l altro il pseudo ricercatore cavallo sapendo di mentire, mostrando ancora una volta la poca serieta che lo caratterizza quando fa le difese in favore di Pechino a tutti i costi: un po come Berlusconi con Putin...

E quando mente in maniera a dir poco grottesca?  Quando afferma che Pechino non ha mai cercato di influenzare le  tradizioni lamaiste tibetane e forse dimentica, oltre a tutti gli scritti di TERZANI e pure Sisci che non ci va leggero quando parla dello stato di alcune minoranze in cina che:

-Lhasa oramai grazie alle politiche mirate di immigrazione HAN di stile fascista in sud tirolo ha piu han che tibetani
-Pechino aveva vietato l immagine del Dalai Lama alla pololazione locale che incredibilmente, per Pechino, cerca a tutti i costi (anche dell incolumita fisica) di tenerle in casa.
-Pechino ha eletto il proprio dalai lama
-un bambino tibetano (il prossimo dalai lama) è da qualche parte in cina, ma nessuno sa precisamente dove...
- Tempo fa venne promulgata (in pieno stile taoista...)  una legge sulle reincarnazioni, e cioe che il prossimo dalai lama lo decide pechino dove si reincarna. Bisognera portare la domanda in carta bollata rigorosamente in cinese?...

Certo le minoranze hanno vantaggi che gli han non hanno, tipo non c e lesame d ingresso nelle universita, piu di un figlio, ecc ecc , in Tibet c e anche  il super-treno (chissa come mai una priorita...) e hotel lussuosi, oltre che decine di negozietti, la maggior parte in mano agli han...ma mi chiedo:


perche un occidentale ha bisogno di un visto per Lasa e un permesso all ufficio sicurezza nazionale per andare in vacanza a Lasa?Dico soltanto a Lasa, perche se uno vuole anche vedere il resto e non solo Lasaland,deve fare altri documenti...

ma guarda che il tibet lamaista ( chiamato in Cina il "Vecchio tibet") era un paese dell'terzo Mondo, dove la gente moriva di fame e dove regnavano sporcizia, degrado e incuria, e la Lhasa degli anni '10 e '20 era una città dove erano diffusissime vere e proprie tendopoli di Stracci dove viveva la gente che pativa malnutrizione e sporcizia

l'Analfabetismo era endemico, c'era una ristretta casta e classe di ricchi e nobili che teneva sotto oppressione la popolazione povera locale,

e poi la riunificazione dell'Tibet alla Cina avvenne nell'1950 e quindi cavallo ahimè sta facendo confusione tra due date:

1950: le truppe Maoiste unificano il tibet, a opporsi solo le truppe fedeli alla Monarchia teocratica lamaista, mentre la popolazione locale accoglie le truppe Maoiste...
1959: rivolta dei nobili, dei potenti capi feudatari e dei Tibetani fedeli alla Teocrazia Lamaista, che mette a ferro e fuoco l'intera Lhasa e questo richiede uno scontro armato tra le truppe Maoiste e quelle tibetane (filo-lamaiste), dove si scoprono carichi di armi ed esplosivi dei monasteri...

ma i cinesi non sempre hanno fatto le cose giuste in Tibet...

per esempio, durante la Rivoluzione culturale, le "guardie Rosse" (milizie paramilitari maoiste)  distruggevano i templi lamaisti e fecero numerosi danni all'patrimonio artistico e culturale tibetano, bollando i reperti Buddhisti Tantrici come "Borghesi" o "controrivoluzionari" o "Feudali" o anche "Reazionari" ( si riferivano così anche verso il Taoismo, il Confucianesimo e la cultura tradizionale Han)

quindi, eviterei di criticare troppo la cina sull'tibet, tu MBC parli tanto di LhasaLand, non nego che ci sia, anzi, ma ci andrei piano,poichè ora molti tibetani hanno una casa normale, l'acqua corrente in casa e l'elettricità e i tibetani (secondo me, mia opinione) stanno meglio oggi che in passato...

e sull'Tirolo...

e sulle politiche di assimilazione dell'italia contro i SudTirolesi vennero applicate anche DOPO il Fascismo, fino agli anni '70, quando venne cessata l'attività terroristica dei terroristi separatisti altoAdesini, ma negli anni '50, gli altoadesini non se la passavano tanto bene, erano trattati come categoria di Serie B dalla (all'epoca) neonata repubblica costituzionale italiana.

( per esempio ti dice nulla la "NOtte dei Fuochi" o "Feuernacht", ti dice niente  la "Strage di Cima Vallona"?)

ma da quando c'e Silvio Berlusconi, gli indipendentisti tirolesi sono tornati forti e potenti, e hanno rialzato la testa e mostrato i muscoli, però evitando il terrorismo e la lotta armata ( per esempio il SVP - Sudtiroler Volkspart e un partito che sta guadagnano molti consensi in tirolo)

tianyiyan, tutti e due, io e te amiamo la cina. Dato per scontato questo, diamo a cesare quello che e di cesare. Io rispondevo al terzo punto di inesatezze di cavallo e cioe riguardante al dalai lama e alle politiche di pechino nei confronti della sfera religiosa  dei tibetani. Il governo cinese ha fatto molte cose positive in  tibet altre meno.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da MBC »
C'è un elemento che ha rovinato questo forum. E' stato lasciato libero di agire usando modalità di dialogo che vengono usate in politica (ex PCI). Negare sempre tutto a favore dell'ideologia, mettere in bocca agli altri cose mai dette. Caos.

Rigira tutte le frittate e prende gli utenti per sfinimento. Che alla fine sbroccano.

Razzista contro gli italiani (è italiano), cerca di mettere indigeni e migranti l'uno contro l'altro. Creando divergenze.

E Associna ringrazia.

Il suo nick è cavallo.

TianYian

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 720
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #42 il: 10 Marzo, 2011, 18:39:44 pm »
Citazione da: "Alexia"
bene,  bene, è ora che va in pensione! almeno lui è così saggio di lasciare il posto ai più giovani! anche italia doverbbe seguere il grande dalailama, invece di incastrare sempre di più i vecchi al lavoro, e i giovani a casa!
oh lasciateci un po di possibilità di lavorare, andate in pensione


grande Dalai Lama??? non esagerare Alexia

sembri uno di quegli occidentali che vede il Dalai Lama attraverso stereotipi positivi, che credono che sia un "grande saggio" un "sapiente millenario" e lo stesso errore che fanno gli attivisti Lamaisti (quelli che i giornali chiamati "pro-Tibet") che lo idolatrano e lo divinizzano come se fosse il Messia, come se fosse un grande e saggio leader.

spiacente deluderti, il Dalai e solo il capo di una fazione Politico-Religiosa (che io chiamo "Lamaismo") che fonde il Buddhismo Tantrico con la Politica ( paragonabile alla "Westboro Baptist Churc, alla Teocrazia IRaniana dell'Ayatollah, alla TeoMonarchia Saudita dei Saud, oppure all'Pontefice dell'Vaticano), e guarda che il Dalai Lama e il Capo POLITICO, non religioso nell' ex sistema tibetano creato nell'XIII? secolo sotto l'egida dell'impero Mongolo ( il capo religioso e il PANCHEN LAMA, che attualmente vive in Cina, di sua scelta e volonta!!!)

quindi eviterei di idolatrare o applaudire all'Dalai Lama, che sembri o uno di quei patetici Lamaisti ( i "Pro Tibet") che dicono "Free" questo e quell'altro, ( e che sembrano un Plagio della Lega Nord o dei NeoBorbonici), oppure qualche Destroide che esalta il Dalai Lama solo per strumentalizzarlo contro la CIna...

ma il problema e che parli dell'Dalai Lama come se fosse il "Che Guevara" della situazione, come se fosse un giustiziere saggio, ma ti sbagli, non farti illusioni, e uno che riceve palate di soldi dalla CIA e dagli americani, il cui sedere e retto dall'India ( che lo usa come strumento politico contro la Cina)...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da TianYian »

MBC

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.906
  • filosofo, fisico quantistico e genicologo
    • Mostra profilo
    • http://www.corriere.it/
(Nessun oggetto)
« Risposta #43 il: 10 Marzo, 2011, 20:05:45 pm »
Citazione da: "TianYian"
Citazione da: "Alexia"
bene,  bene, è ora che va in pensione! almeno lui è così saggio di lasciare il posto ai più giovani! anche italia doverbbe seguere il grande dalailama, invece di incastrare sempre di più i vecchi al lavoro, e i giovani a casa!
oh lasciateci un po di possibilità di lavorare, andate in pensione

grande Dalai Lama??? non esagerare Alexia

sembri uno di quegli occidentali che vede il Dalai Lama attraverso stereotipi positivi, che credono che sia un "grande saggio" un "sapiente millenario" e lo stesso errore che fanno gli attivisti Lamaisti (quelli che i giornali chiamati "pro-Tibet") che lo idolatrano e lo divinizzano come se fosse il Messia, come se fosse un grande e saggio leader.

spiacente deluderti, il Dalai e solo il capo di una fazione Politico-Religiosa (che io chiamo "Lamaismo") che fonde il Buddhismo Tantrico con la Politica ( paragonabile alla "Westboro Baptist Churc, alla Teocrazia IRaniana dell'Ayatollah, alla TeoMonarchia Saudita dei Saud, oppure all'Pontefice dell'Vaticano), e guarda che il Dalai Lama e il Capo POLITICO, non religioso nell' ex sistema tibetano creato nell'XIII? secolo sotto l'egida dell'impero Mongolo ( il capo religioso e il PANCHEN LAMA, che attualmente vive in Cina, di sua scelta e volonta!!!)

quindi eviterei di idolatrare o applaudire all'Dalai Lama, che sembri o uno di quei patetici Lamaisti ( i "Pro Tibet") che dicono "Free" questo e quell'altro, ( e che sembrano un Plagio della Lega Nord o dei NeoBorbonici), oppure qualche Destroide che esalta il Dalai Lama solo per strumentalizzarlo contro la CIna...

ma il problema e che parli dell'Dalai Lama come se fosse il "Che Guevara" della situazione, come se fosse un giustiziere saggio, ma ti sbagli, non farti illusioni, e uno che riceve palate di soldi dalla CIA e dagli americani, il cui sedere e retto dall'India ( che lo usa come strumento politico contro la Cina)...

il problema  è che parli del dalai lama nel piu perfetto stile da organi di partito cinese.

mah, qui non ti sento di darti ragione. Che il DL venga usato dalla CIA, che comunque spesso fa i suoi personali interessi e non quelli del governo americano, è tutto da dimostrare.
Possiamo discutere se le rivendicazioni di Pechino nei confronti del Tibet siano giuste, prendendo in esame la storia delle relazioni tra l impero tibetano e l impero cinese, ma non mi piacciono i sentimentalismi.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da MBC »
C'è un elemento che ha rovinato questo forum. E' stato lasciato libero di agire usando modalità di dialogo che vengono usate in politica (ex PCI). Negare sempre tutto a favore dell'ideologia, mettere in bocca agli altri cose mai dette. Caos.

Rigira tutte le frittate e prende gli utenti per sfinimento. Che alla fine sbroccano.

Razzista contro gli italiani (è italiano), cerca di mettere indigeni e migranti l'uno contro l'altro. Creando divergenze.

E Associna ringrazia.

Il suo nick è cavallo.

TianYian

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 720
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #44 il: 10 Marzo, 2011, 22:59:14 pm »
che il Dalai Lama si trova nell'libro paga della CIA non sono gli unici a dirlo, nè Io ne i quadri dell'Partito Centrale cinese (il termine "Comunista" non è credibile)

in giro per la rete trovi una Marea di Link che testimonia amicizie e rapporti forti tra il Dalai Lama e gli USA ( e il fatto che il dalai lama e il "governo tibetano in esilio" si trovino nell'libro paga della CIA)

http://www.resistenze.org/sito/te/po/ci/poci3e25.htm

http://bellaciao.org/it/spip.phpòarticle18600

http://www.nybooks.com/articles/archive ... d-the-cia/

http://revcom.us/a/firstvol/tibet/cia5.htm

http://www.greenleft.org.au/node/13373

http://nwo-truthresearch.blogspot.com/2 ... a-cia.html

http://www.westernshugdensociety.org/da ... -lama-cia/

http://www.stampalibera.com/?p=17336

http://www.che-fare.org/archivcf/cf51/tibet.htm

http://www.youtube.com/watch?v=K1ocfgUxvCI

io non sto ne' mentendo, ne' inventandomi niente, dico solo le cose così come stanno...

tu affermi che il dalai lama si fa soltanto i suoi interessi personali e che non sia all'servizio degli americani, ma ne sei sicuro?
guarda che gli americani hanno sempre sostenuto il separatismo dell'tibet in chiave politica anti-cina, e sfrutta una divisione dell'Tibet dalla cina, per destabilizzare la cina e togliersela di mezzo e perchè no, far reinstaurare la teocrazia feudale-schiavista lamaista...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da TianYian »