Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni - page 1 - Diritti dell'immigrato & Osservatorio - Associna Forum

Autore Topic: Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni  (Letto 3667 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

ZhouEnlai

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 153
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #1 il: 10 Dicembre, 2011, 14:00:23 pm »
a me sembra che tu stia esagerando e prendendo la cosa troppo di petto.

tanto per iniziare, sei nato in italia, parli e scrivi italiano madre lingua !

non verrai mai quindi vessato e trattato da "alieno" come noi expats italiani in Asia anzi se un razzista ti insulta potrai rispondergli a tono in perfetto italiano o legalmente fargli pure causa, tutte cose che noi non possiamo fare.

comprendo il tuo risentimento, e comprendo non hai scelto tu di nascere cinese in europa.
lasciami comunque dire che tra tutti gli immigrati in europa i cinesi sono quelli che piu' di tutti tengono un basso profilo, non compiono crimini violenti che vadano poi sulle prime pagine dei giornali, e in un modo o nell'altro riescono a farsi i cazzi loro ed essere ben voluti.

caso mai la massaia e il leghista di turno obietteranno contro le chinatown, i ghetti, gli operai cinesi illegali, quelli che dormono in fabbrica, chi compra case in contanti, e tutto il resto, che a loro sembra chissa' che' di illegale e in cina e' perfettamente la norma.

per tutto il resto : i cinesi in italia li han voluti per manodopera a basso costo, investimenti in nero, riciclaggio, concorrenza sleale, vendita di immobili a prezzi fuori dal mercato, import di merce taroccata, produzione di merce taroccata, etc etc

ergo, la loro fama e' purtroppo figlia di queste cose e se il politico dira'che serve integrazione e bla bla bla l'uomo della strada non si fara' certo problemi invece a vomitare le sue incazzature.

e' cosi' per i cinesi, e' cosi' per molte altre nazionalita', e' cosi' anche per i terroni a milano e torino, o lo si accetta o si passa la vita a combattere contro i mulini a vento.


cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #2 il: 13 Dicembre, 2011, 20:24:17 pm »
si dà il caso che:
- ASSOCINA "passa la vita" proprio ad impegnarsi contro il razzismo, la discriminazione, per i diritti dei migranti e delle seconde generazioni (neppure solo quelle di origine cinese) e perb l'intercultura; forse non sono quelli che"prendono troppo di pezzo" la questione razzismo ad essere contraddittori con questa Associazione e questo Forum...;
- la lotta al razzismo non la devono fare solo i discriminati o gli "stranieri" ma tutti coloro che sono antirtazzisti; la nostra Costituzione, ad esempio, é stata scritta da Italiani DOC (e grazie alla Resistenza) e non serve una origine straniera per difenderne i principi antirazzisti: il razzismo é un cancro per l'intera società, non solo per gli stranieri.... e i tumori si prevengono, si combattono, si estiorpano o si diffondono e UCCIDONO
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

ZhouEnlai

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 153
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #3 il: 14 Dicembre, 2011, 05:31:14 am »
io continuo a non capire !

sei mai stato in cina ?
hai mai messo piede in asia almeno ?

ti rendo noto che in cina il razzismo contro chiunque non e' di razza Han e' istituzionalizzato, gia' dal fatto poi che viene chiamata proprio "razza"e non "etnia" o altro come magari fanno per i tibetani, Dao, Miao, Kazaki, H'Mong, Birmani, e Uiguri.

in cina non ti sarebbe consentito aprire una ONG antirazzista e se tu fossi recidivo andresti in galera come molti altri che si limitano anche solo a farlo online con blogs antigovernativi, volantini, newsletters, o SMS.

quindi prima di tutto impara in che mondo vivi e chi erroneamente cerchi di rappresentare.
un cinese che arriva a sbattersi al punto di dedicare tempo ed energie per queste sedicenti "battaglie" dovrebbe almeno avere la decenza di avere un background di vita e di cultura cinese alle spalle anziche' parlare della cina per sentito dire e non avere di conseguenza ALCUNA credibilita'.

secondo, il razzismo anti-cinese in europa e' molto diverso da quello verso est europei indiani e africani.
non confondiamo le cose quindi !

tu non puoi pretendere di venire in europa senza essere invitato da nessuno, sbarcare dall'ultima banana-boat illegalmente, farti regolarizzare anni dopo chissa' come, e poi accusare chiunque osi criticarvi di razzismo e bigottismo o ignoranza.

queste schifezze le ho sentite e viste mille volte sia in europa che in asia e ti posso dire che non fanno altro che fomentare ulteriore odio e divisione nella societa'.

e' inutile pretendere di essere trattati alla pari, un cinese non potra' mai essere un europeo, come un europeo non potra' mai essere un asiatico, o lo si accetta o ancora una volta si lotta inutilmente contro i mulini a vento ma ormai e' un business miliardario e c'e' un intera industria sui sedicenti 'diritti umani', tanto piu' gia'a partire da HongKong e Taiwan dove hai solo l'imbarazzo della scelta riguardo NGO e gruppi anti-cinesi radicali di ogni tipo...

accettati per quello che sei e per quello che offre il convento, oppure torna da dove sei venuto,non ci sono molte altre opzioni eh ! io stesso amo la cina ma accetto che non potro' mai essere piu' di un semplice expat e quindi non mi sogno neppure di metterci radici a lungo termine sapendo bene di non essere il benvenuto a parte quando apro il portafoglio.



cordialmente,
Zhou Enlai <-- lui si un cinese con la testa sulle spalle.





cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #4 il: 14 Dicembre, 2011, 08:23:01 am »
io continuo a non capire !
me ne accorgo

sei mai stato in cina ?
hai mai messo piede in asia almeno ?

in Cina ci sono stato molti anni fa, in ASia (che ha culture ben diverse da quelle cinesi....) ci ho lavorato a lungo, ma questo come i viaggetti di tanti non c'entra nulla perché fenomeni come il razzismo si possono conoscere e combattere OVUNQUE si presentino, compreso nei Paesi dove non si fanno viaggetti....

ti rendo noto che in cina il razzismo contro chiunque non e' di razza Han e' istituzionalizzato, gia' dal fatto poi che viene chiamata proprio "razza"e non "etnia" o altro come magari fanno per i tibetani, Dao, Miao, Kazaki, H'Mong, Birmani, e Uiguri.
ti rendo noto che a differemnza che in Italia (1938) e in tanti Paesi occidentali, in Cina non sono mai esistite LEGGI RAZZIALI, non esistono autori e teorici inneggianti al razzismo (in migliaia di anni), non ci sono stati movimenti politici a sfondo razzista e se non capisci la differenza mi spiace sinceramente.....

in cina non ti sarebbe consentito aprire una ONG antirazzista e se tu fossi recidivo andresti in galera come molti altri che si limitano anche solo a farlo online con blogs antigovernativi, volantini, newsletters, o SMS.
si dà il caso che la posizione ufficiale del governo cinese sia antirazzista (lo era anche in epoca maoista....) e quindi una attività antirazzista non é antigovernativa: fai un po' di confusione; e si dà il caso che ASSOCINA sia una associazione che opera nell'ambito della Costituzione italiana, che proclama l'antirazzismo ed é nata dall'antifascismo e quidni é a questo ambito che ci si deve attenere, in ASSOCINA; non in una ONG di Shanghai o Chengdu...

quindi prima di tutto impara in che mondo vivi e chi erroneamente cerchi di rappresentare.
io rappresento me stesso, ASSOCINA rappresenta se stessa ed ha una piattaforma antirazzista (guardati la homepage...) e si batte contro il razzismo; nessuno obbliga ad aderirvi, ma sputare su di essa neol suo Forum mi pare quantomeno assurdo, non mancando siti razzisti in cui sfogarsi, in Italia (in Cina quelli sono vietati....)


un cinese che arriva a sbattersi al punto di dedicare tempo ed energie per queste sedicenti "battaglie" dovrebbe almeno avere la decenza di avere un background di vita e di cultura cinese alle spalle anziche' parlare della cina per sentito dire e non avere di conseguenza ALCUNA credibilita'.
io non sono cinese, sono italiano e l'antirazzismo é diritto-dovere indipendente dal passaporto e dall'origine; non credo che tu abbia diritto di denigrare chi ha creato ASSOCINA come realtyà antirazzista solo perché la cosa non piace a te...

secondo, il razzismo anti-cinese in europa e' molto diverso da quello verso est europei indiani e africani.
non confondiamo le cose quindi !

tu non puoi pretendere di venire in europa senza essere invitato da nessuno, sbarcare dall'ultima banana-boat illegalmente, farti regolarizzare anni dopo chissa' come, e poi accusare chiunque osi criticarvi di razzismo e bigottismo o ignoranza.

argomenti razzisti-leghisti usati contro TUTTI i migranti, che contraddicono la differenza che cerchi di fare....

queste schifezze le ho sentite e viste mille volte sia in europa che in asia e ti posso dire che non fanno altro che fomentare ulteriore odio e divisione nella societa'.
le schifezze per te sono quelle razziste o l'antirazzismo? li equipari? 

e' inutile pretendere di essere trattati alla pari, un cinese non potra' mai essere un europeo, come un europeo non potra' mai essere un asiatico, o lo si accetta o ancora una volta si lotta inutilmente contro i mulini a vento ma ormai e' un business miliardario e c'e' un intera industria sui sedicenti 'diritti umani', tanto piu' gia'a partire da HongKong e Taiwan dove hai solo l'imbarazzo della scelta riguardo NGO e gruppi anti-cinesi radicali di ogni tipo...
grazie per aver esplicitato totalmente il tuo pensiero in netta OPPOSIZIONE con il sito in cui lo fai: la contraddizione é solo e tutta tua.......ti auguro di essere vittioma di coloro che la pensano allo stesso modo, poi forse riuscirai a capire, dato che non pare riesci a farlo su argomenti storici, ide, dati di fatto...

accettati per quello che sei e per quello che offre il convento, oppure torna da dove sei venuto,non ci sono molte altre opzioni eh ! io stesso amo la cina ma accetto che non potro' mai essere piu' di un semplice expat e quindi non mi sogno neppure di metterci radici a lungo termine sapendo bene di non essere il benvenuto a parte quando apro il portafoglio.
continui a non capirte che io sono italiano, e se anche fossi di origine cinese una frase come "torna da dove sei venuto" spiega da sola che tipo di "utente" sei...quanto ad "accettare quel che passa il co9nvento", se l'Umanità lo avesse fatto staremmo ancora al paleolitico, dove evidentemente le tue "idee" potrebbero avere libero sfogo....


cordialmente,
Zhou Enlai <-- lui si un cinese con la testa sulle spalle.


naturalmente puoi usare il nick che vuoi, ma dimostri solo di non sapere che Zhou en lai era un fine intellettuale, conoscitore della Storia e profondamente antirazzista nonché amico di tanti leaders africani, tutte cose di cui ti collochi all'opposizione; quindi riferirti a lui come modello da parte di chi scrive quel che hai scritto é assai improprio per non dire peggio....
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

ZhouEnlai

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 153
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #5 il: 14 Dicembre, 2011, 10:16:09 am »
visto che dici di aver almeno lavorato in Asia, avrai notato meglio di me che i cinesi in Asia sono vittime del razzismo quasi OVUNQUE per gli stessi identici motivi per cui lo sono in europa e in america !

non chiederti quindi DOVE si presenti il razzismo cinesi perche' onestamente fai prima a chiderti dove NON si presenta ...

i cinesi di Bangkok e ChiangMai ? i cinesi a Phnom Penh ? a Saigon ? la chinatown a Yangon/Rangoon ? la mafia cinese a Penang e Kuala Lumpur ? il sindaco cinese a Singapore ? e la lista e' kilometrica....

ma come fai a dire che non esistono autori cinesi razzisti ? l'intera cultura cinese da 5000 anni si basa sulla favola dell'essere il "regno di mezzo" fuori dal quale ci sono solo barbari, laowai, e nemici !

non e' un caso infatti che i pochi stranieri che ammirano siano i soliti "advisors" o "experts" che hanno contribuito alla scienza e cultura cinese, non cito il solito e ovvio Marco Polo ma in primis i vari Matteo Ricci e i suoi gesuiti senza i quali in cina manco conoscevano le semplicissime equazioni di terzo grado tradotte da libri di matematica dal latino al mandarino !

e cosa ne hanno fatto poi di loro ? son tutti finiti male come pure gli stranieri durante il maoismo vedi Edgar Snow, espulsi, deportati, sputtanati, trattai come spie, poi sdoganati ancora e infine accettati e a volte persino visti molto meglio di come realmente erano.

un uso cioe' al 100% "utilitaristico" ed egoista, col solito concetto caro a tutta l'asia del "imparare e copiare dallo straniero per poi fotterlo" che poi e' stata la specialita' di japponesi e koreani se e' per questo.

come fai poi a dire non ci siano mai state leggi razziali ? dopo il 1951 tutti gli stranieri sono stati espulsi o peggio ...Shanghai si e' svuotata ad esempio ... e prima ancora i gesuiti che fine han fatto ? uccisi o deportati perche' avevano troppo potere nella corte imperiale.

e oggi ? oggi ci tollerano perche' siamo skilled workers, domani ci daranno un calcio in c... come han fatto i japponesi prima di loro.
a loro fa enormemente piacere che noi andiamo in cina a vendergli la macchina per fare le scarpe con cui poi venderanno a NOI le scarpe fatte in cina !

e tutta i movimenti politici nonche 'la stessa guerra contro il giappone non sarebbe su basi razziali scusa ?
lo stesso partito comunista cinese deve il suo successo finale proprio alla propaganda anti-japponese, se sai di cosa stiamo parlando... e non lo dico io ma lo dice Mao Zedong in persona se hai voglia di leggere qualche libro in merito.

Associna : se tu vivessi in cina sapresti benissimo che il governo con una mano dice una mano e con l'altra mano nasconde la dura realta'.... se prendessimo alla lettera le flautolenze del CCP la cina sarebbe il paradiso terrestre e una societa' "armoniosa", hahaha .....

la costituzione italiota da' voce a cani e porci, inclusi fascisti razzisti nazisti nonche' comunisti stalinisti satanisti e peggio .... non vedo dove sia il vanto di essere "in regola" con la costituzione ? ma appunto non vedo neppure alcun ringraziamento per poterlo fare visto che in cina vi metterebbero in gabbia.

sorry ma il razzismo contro i cinesi lo avete creato voi da soli, e'quindi nelle vostre mani essere ben accetti, e su questo non ho altro da aggiungere.

tu quindi rappresenti Associna ? benissimo ma lasciami dire che non sei credibile e sei al pari di gente come Tony Brandi e le loro improbabili pagliacciate, libri, e comizi pubblici riguardo i sedicenti "laogai", anche lui come te non ha mai messo piede in cina ma come lavoro fa il "dissidente di professione"...

forum cinesi razzisti ? praticamente TUTTI, e' evidente che non li leggi o che non trovi razzista il dual-standard tra razza Han e stranieri.

se non altro me la rido perche' in cina trattano molto meglio gli expats come me che non uno come te "cinese overseas" perche' dopo tutte le cose che dici e scrivi tu la' devi stare attento ad aprire bocca, io no.

italiano : si sei italiano di passaporto ma non sarai mai italiano o europeo nel vero senso della parola, o lo accetti o lo dovrai amaramente accettare prima o dopo.

e ho tutti i diriti di venir qui a dirtelo, e' un forum pubblico e lo scopo di un forum e' la discussione pacata e civile, questo include ti piaccia o meno le critiche di chi non la pensa come te e come voi, se sei una persona civile e seriamente interessata all'argomento possiamo avere un fruttuoso scambio di vedute, se sei un bambino che fa i capricci puoi bannarmi e compiacerti che il mondo sia tutto rose e fiori come tu ti illudi.

migranti : macche' migranti, chiamiamoli col loro vero nome per cortesia : immigrati venuti qui perche' in primis Confindustria gia' negli anni 70 chiedeva manodopera a basso costo e l'unica opzione era far venire stranieri di qualunque razza essi siano, poi da li' si e' aperto il "vaso di pandora" e ora abbiamo 5-6 o forse anche 7-8 milioni di stranieri in italia, chi legale e chi no.

e non mi si dica che siano teorie leghiste, e' roba che era gia' mainstream nell'800, informati, e al 100% mainstream nella stessa China, Korea, Japan oggigiorno.

vivi in asia per qualche anno,chiedi agli stessi asiatici cosa ne pensano, la conclusione sara'che japponesi e cinesi sono il popolo piu' razzista e sciovinista dell'intero pianeta, altro che farci le manfrine a noi italiani che siamo pure troppo buoni e da un dito ci prendono il braccio !

schifezze : il problema non esisterebbe se voi non lo creaste, o ci arrivi o non ci arrivi.
a riguardo prendi l'esempio del giappone ma ovviamente tu in merito non ne sia molto !

italiano : ribadisco, tu sei italiano di passaporto, persino gli zingari hanno il passaporto ITA ma con questo cosa cambia ?
e' solo una cosa burocratica, non fa di te un italiano ne' un europeo come per me sposare una cinese e vivere in cina 70 anni non farebbe di me un cinese, la questione e' semplicissima ma proprio per questo tutti ne hanno il terrore e tirano in ballo le scuse piu' implausibili.

e potrei anche aggiungere che i cinesi "overseas" sono decine di milioni in tutto il mondo, e sai benissimo meglio di me che sono trattai coi guanti, studiano, fanno soldi, non rompono i coglioni a nessuno, non si dedicano a crimini violenti, sono spesso ben voluti, anche troppo, eppure tu ti metti in testa di essere vittima di chissa' quale ingiustizia ?

visto che parli di umanita' e paleolitico, come molti altri prima di voi, sputate nel piatto che vi da' da mangiare.
e questo comprenderai non vi rende simpatici e creera' sempre un "muro" tra voi e chi vi sta vicino.

fatevi amare, e gli altri vi ameranno, e' molto semplice !
e lo dico per esperienza vissuta proprio in Asia, non per dar fiato alla bocca.

su Zhou Enlai potrei scrivere a lungo, ma che sia stato antirazzista mi spiace ma ... hahaha ...sai meglio di me che lo ha fatto solo per biechi motivi politici e convenienza personale, Mao si era perfino fatto culo e camicia coi comunisti albanesi se e' per questo, ma mi sembra del tutto off topic, tanto piu' parlando di nazionalisti cinesi che vedevano con terrore qualunque interferenza straniera a partire dai loro stessi vicini di casa vietnamiti, mongoli, koreani, etc per poi litigare coi russi e infine "allearsi" con gli americani ! ??

senza offesa, ma mi sembra ovvio dei cinesi che vivono in cina tu non sia molto ferrato.

divertiti pure col tuo hobby di avere una ONG ma sai benissimo che si basa sull'ignoranza dei cinesi italiani vittime della propaganda sia anti-cinese che pro-cinese e mai per esperienza diretta in merito.
non vedo onestamente differenza tra voi e i leghisti o altre correnti di pensiero etno-centriche.


Cordialmente,
Zhou Enlai.


MBC II

  • Livello: Straniero / Laowai
  • **
  • Post: 77
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #6 il: 14 Dicembre, 2011, 11:21:32 am »
visto che dici di aver almeno lavorato in Asia, avrai notato meglio di me che i cinesi in Asia sono vittime del razzismo quasi OVUNQUE per gli stessi identici motivi per cui lo sono in europa e in america !

non chiederti quindi DOVE si presenti il razzismo cinesi perche' onestamente fai prima a chiderti dove NON si presenta ...

i cinesi di Bangkok e ChiangMai ? i cinesi a Phnom Penh ? a Saigon ? la chinatown a Yangon/Rangoon ? la mafia cinese a Penang e Kuala Lumpur ? il sindaco cinese a Singapore ? e la lista e' kilometrica....

ma come fai a dire che non esistono autori cinesi razzisti ? l'intera cultura cinese da 5000 anni si basa sulla favola dell'essere il "regno di mezzo" fuori dal quale ci sono solo barbari, laowai, e nemici !

non e' un caso infatti che i pochi stranieri che ammirano siano i soliti "advisors" o "experts" che hanno contribuito alla scienza e cultura cinese, non cito il solito e ovvio Marco Polo ma in primis i vari Matteo Ricci e i suoi gesuiti senza i quali in cina manco conoscevano le semplicissime equazioni di terzo grado tradotte da libri di matematica dal latino al mandarino !

e cosa ne hanno fatto poi di loro ? son tutti finiti male come pure gli stranieri durante il maoismo vedi Edgar Snow, espulsi, deportati, sputtanati, trattai come spie, poi sdoganati ancora e infine accettati e a volte persino visti molto meglio di come realmente erano.

un uso cioe' al 100% "utilitaristico" ed egoista, col solito concetto caro a tutta l'asia del "imparare e copiare dallo straniero per poi fotterlo" che poi e' stata la specialita' di japponesi e koreani se e' per questo.

come fai poi a dire non ci siano mai state leggi razziali ? dopo il 1951 tutti gli stranieri sono stati espulsi o peggio ...Shanghai si e' svuotata ad esempio ... e prima ancora i gesuiti che fine han fatto ? uccisi o deportati perche' avevano troppo potere nella corte imperiale.

e oggi ? oggi ci tollerano perche' siamo skilled workers, domani ci daranno un calcio in c... come han fatto i japponesi prima di loro.
a loro fa enormemente piacere che noi andiamo in cina a vendergli la macchina per fare le scarpe con cui poi venderanno a NOI le scarpe fatte in cina !

e tutta i movimenti politici nonche 'la stessa guerra contro il giappone non sarebbe su basi razziali scusa ?
lo stesso partito comunista cinese deve il suo successo finale proprio alla propaganda anti-japponese, se sai di cosa stiamo parlando... e non lo dico io ma lo dice Mao Zedong in persona se hai voglia di leggere qualche libro in merito.

Associna : se tu vivessi in cina sapresti benissimo che il governo con una mano dice una mano e con l'altra mano nasconde la dura realta'.... se prendessimo alla lettera le flautolenze del CCP la cina sarebbe il paradiso terrestre e una societa' "armoniosa", hahaha .....

la costituzione italiota da' voce a cani e porci, inclusi fascisti razzisti nazisti nonche' comunisti stalinisti satanisti e peggio .... non vedo dove sia il vanto di essere "in regola" con la costituzione ? ma appunto non vedo neppure alcun ringraziamento per poterlo fare visto che in cina vi metterebbero in gabbia.

sorry ma il razzismo contro i cinesi lo avete creato voi da soli, e'quindi nelle vostre mani essere ben accetti, e su questo non ho altro da aggiungere.

tu quindi rappresenti Associna ? benissimo ma lasciami dire che non sei credibile e sei al pari di gente come Tony Brandi e le loro improbabili pagliacciate, libri, e comizi pubblici riguardo i sedicenti "laogai", anche lui come te non ha mai messo piede in cina ma come lavoro fa il "dissidente di professione"...

forum cinesi razzisti ? praticamente TUTTI, e' evidente che non li leggi o che non trovi razzista il dual-standard tra razza Han e stranieri.

se non altro me la rido perche' in cina trattano molto meglio gli expats come me che non uno come te "cinese overseas" perche' dopo tutte le cose che dici e scrivi tu la' devi stare attento ad aprire bocca, io no.

italiano : si sei italiano di passaporto ma non sarai mai italiano o europeo nel vero senso della parola, o lo accetti o lo dovrai amaramente accettare prima o dopo.

e ho tutti i diriti di venir qui a dirtelo, e' un forum pubblico e lo scopo di un forum e' la discussione pacata e civile, questo include ti piaccia o meno le critiche di chi non la pensa come te e come voi, se sei una persona civile e seriamente interessata all'argomento possiamo avere un fruttuoso scambio di vedute, se sei un bambino che fa i capricci puoi bannarmi e compiacerti che il mondo sia tutto rose e fiori come tu ti illudi.

migranti : macche' migranti, chiamiamoli col loro vero nome per cortesia : immigrati venuti qui perche' in primis Confindustria gia' negli anni 70 chiedeva manodopera a basso costo e l'unica opzione era far venire stranieri di qualunque razza essi siano, poi da li' si e' aperto il "vaso di pandora" e ora abbiamo 5-6 o forse anche 7-8 milioni di stranieri in italia, chi legale e chi no.

e non mi si dica che siano teorie leghiste, e' roba che era gia' mainstream nell'800, informati, e al 100% mainstream nella stessa China, Korea, Japan oggigiorno.

vivi in asia per qualche anno,chiedi agli stessi asiatici cosa ne pensano, la conclusione sara'che japponesi e cinesi sono il popolo piu' razzista e sciovinista dell'intero pianeta, altro che farci le manfrine a noi italiani che siamo pure troppo buoni e da un dito ci prendono il braccio !

schifezze : il problema non esisterebbe se voi non lo creaste, o ci arrivi o non ci arrivi.
a riguardo prendi l'esempio del giappone ma ovviamente tu in merito non ne sia molto !

italiano : ribadisco, tu sei italiano di passaporto, persino gli zingari hanno il passaporto ITA ma con questo cosa cambia ?
e' solo una cosa burocratica, non fa di te un italiano ne' un europeo come per me sposare una cinese e vivere in cina 70 anni non farebbe di me un cinese, la questione e' semplicissima ma proprio per questo tutti ne hanno il terrore e tirano in ballo le scuse piu' implausibili.

e potrei anche aggiungere che i cinesi "overseas" sono decine di milioni in tutto il mondo, e sai benissimo meglio di me che sono trattai coi guanti, studiano, fanno soldi, non rompono i coglioni a nessuno, non si dedicano a crimini violenti, sono spesso ben voluti, anche troppo, eppure tu ti metti in testa di essere vittima di chissa' quale ingiustizia ?

visto che parli di umanita' e paleolitico, come molti altri prima di voi, sputate nel piatto che vi da' da mangiare.
e questo comprenderai non vi rende simpatici e creera' sempre un "muro" tra voi e chi vi sta vicino.

fatevi amare, e gli altri vi ameranno, e' molto semplice !
e lo dico per esperienza vissuta proprio in Asia, non per dar fiato alla bocca.

su Zhou Enlai potrei scrivere a lungo, ma che sia stato antirazzista mi spiace ma ... hahaha ...sai meglio di me che lo ha fatto solo per biechi motivi politici e convenienza personale, Mao si era perfino fatto culo e camicia coi comunisti albanesi se e' per questo, ma mi sembra del tutto off topic, tanto piu' parlando di nazionalisti cinesi che vedevano con terrore qualunque interferenza straniera a partire dai loro stessi vicini di casa vietnamiti, mongoli, koreani, etc per poi litigare coi russi e infine "allearsi" con gli americani ! ??

senza offesa, ma mi sembra ovvio dei cinesi che vivono in cina tu non sia molto ferrato.

divertiti pure col tuo hobby di avere una ONG ma sai benissimo che si basa sull'ignoranza dei cinesi italiani vittime della propaganda sia anti-cinese che pro-cinese e mai per esperienza diretta in merito.
non vedo onestamente differenza tra voi e i leghisti o altre correnti di pensiero etno-centriche.


Cordialmente,
Zhou Enlai.
cavallo è un sognatore e autoproclamatosi l angelo vendicativo dell antirazzismo.
Nonostante non condivido il tuo pensiero completamente, un cinese nato e cresciuto in italia è un italiano, condivido a grosse linee per esperienza diretta quello che hai scritto nei riguardo del razzismo asiatico.
Dieci anni in cina e ne ho viste di discriminazioni a sfondo razziale: neri, tanto per esempio.

E palese per chiunque abbia realmente vissuto la cina. Con i viaggetti e il paraocchi ideologico si può stare in un a paese anche 40 anni, sapere a menadito la storia ma non si capirà mai niente di quel paese.

ZhouEnlai

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 153
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #7 il: 14 Dicembre, 2011, 12:35:58 pm »
di persone come Cavallo ce ne sono a milioni, vittime del razzismo dove vivono e dove sono nati, e vittime del razzismo anche se tornano dove sono nati i nonni e bisnonni.

io stesso in italia mi sento un "alieno" in patria se e' per questo ma lo accetto e ormai lo do' per scontato, GUARDO AVANTI non mi metto a frignare e aprire una ONG a HK per i sedicenti diritti dei Laowai !

NESSUNO mi obbliga a vivere in cina !
e nessuno obbliga Cavallo e i suoi discepoli a restare in Italia e in Europa.
voglio sperare  qui siamo tutti adulti , vaccinati, e in grado di discutere in chiave adulta di certe cose.

sei un cinese nato in italia ? non ne hai nessuna colpa infatti ! MA... a una certa eta' e con la raggiunta indipendenza economica STA A TE stare qui o tornare in cina, e questo non vale solo per i cinesi ovviamenti, vale in primis per ME se e' per questo, io scrivo in prima persona avendo vissuto all'estero tra europa e asia ormai piu' di meta' della mia vita, non mi nascondo dietro un dito o frasi fatte e non tiro in ballo razzismi e cazzi vari.

mi spiace ma un cinese anche fosse di 100ma generazione resta un "cinese europeo" per il semplice fatto che e' di razza Han e che gli altri sono genericamente "caucasici".

mi spiace ma questo e' il fulcro della questione checche' tu dici di essere d'accordo con parte del resto.
il resto non conta nulla, il fulcro e' QUESTO e infatti e' qui che ci hanno fatto pure leggi speciali in merito perche'non sia mai che la verita' venga spiattellata in faccia e disturbi la servitu' che in origine venne fatta venire in europa per lavare i cessi a poco costo per poi invece diventare fenomeno incontrollabile.

comunque piu' che ai viaggetti punterei il dito sul paraocchi e sull'attention-span.
c'e' gente che vive in cina da 20 anni e non ne ha capito nulla e altri che in pochi mesi riescono comunque ad "annusare" che aria tira nel mondo reale ma sono pochi, minoranza.











ZhouEnlai

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 153
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #8 il: 14 Dicembre, 2011, 12:49:06 pm »
e aggiungo sulla servitu' :

anche questo e'un fattore chiave e non vorrei venga travisato !

leggoin questo forum di cinesi laureati a pieni voti e bla bla bla ..BENISSIMO ... e appunto lo stesso succede in america europa e australia perche'; i cinesi sono un popolo molto sveglio !

MA ... i cinesi italiani DEVONO capire ed essere CONSCI che il solomotivo per cui li hanno fatti venire qui e' manovalanza di basso costo, e non esiste che io ora riceva critiche in merito per dire la verita', lo devete digerire e inghiottire e prenderne atto come pure gli australiani erano colonia penale e figli originariamente della feccia dell'impero inglese ma ora non se ne fanno problemi anzi se ne vantano quasi !

a che servono quindi tutte ste manfrine sul razzismo ?

se subisci razzismo la colpa e' TUA per il semplice fatto che non sei come gli altri !
e' tanto difficile da capire ?

potete aprire 1000 ONG ...e chiunche vi guardi in faccia vedra' che siete cinesi !

credete che io italiano del nord-est non sia vittima dello stesso trattamento ?
sbagliato ! nel mio caso e'molto peggio, e in asia ve lo dicono in faccia come fosse la cosa piu' normale del mondo ! laowai, gaijin, farang, barang, ang mo ....

MA ... io sono in asia per un certo scopo, e il fine giustifica i mezzi !

VOI, nati in italia, avete tutte le buone ragioni, ma a un certo punto e a una certa eta' sta A VOI decidere da che parte e dove stare !







Stefanoski

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 512
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #9 il: 14 Dicembre, 2011, 15:00:50 pm »
Ciao  ;)

Concordo in parte con quanto scritto da ZhouEnlai ma fino ad un certo punto: sinceramente non mi son mai piaciute le generalizzazioni e credo che il problema sia abbastanza più variegato da discutere.

L'intolleranza, che sfocia a volte nel razzismo più becero, mi sembra che spesso prenda il via qualora la comunità indigena (nel nostro caso noi italiani) senta come una minaccia la presenza sul territorio dello "straniero".

Posso citare un esempio banale.

Negli anni 90' la cittadina di Civita Castellana, fiorente centro industriale legato alla ceramica e alla produzione dei sanitari, ha vissuto l'immigrazione romena.

Sono arrivati i primi e hanno destato grande curiosità. Si sono ben integrati con i cittadini, erano dei gran lavoratori (spesso impiegati come muratori) e avevano tante storie da raccontare. Perchè solitamente, l'arrivo dei primi stranieri di un'etnia, vengono visti con curiosità e sono fonte di storie di paesi lontani, con i quali è molto piacevole discorrere e confrontarsi. Sono trattati da "pari" perchè sappiamo benissimo che siamo tutti cittadini di questo mondo e non importa da dove si provenga o quale sia il colore della pelle, la religione o la squadra di calcio per cui si tifa. Sono abbastanza integrati, pur con le loro differenza, e consideriamo che stanno facendo enormi sacrifici per tornare a casa propria a portare dei soldi (spesso spediti ai propri genitori per toglierli da una condizione di miseria).

Passa la notizia e ne arrivano altri. Chi ha più voglia di lavorare e chi meno. Iniziano a formarsi le cosiddette "comunità". A volte si ghettizzano da soli. Bevono e qualcuno viene perfino gettato sotto al ponte.

Con gli anni arriva anche la malavita. Aumentano i furti. Le botte. Sotto i fumi dell'Alcol sento spesso gridare "Italiano Vaffanculo ti ammazzo !!!" senza la purchè minima idea.

E così iniziano ad essere malvisti dalla popolazione locale. Tutti. Non importa se ce ne siano di buoni e magari i cattivi siano una minoranza (anche se a volte i buoni se ne vanno e i cattivi restano, perchè l'erba cattiva non muore mai). Sono tutti uguali. Si appropriano di interi quartieri dove vige la loro legge. L'intolleranza diventa razzismo.


Con questo voglio dire che purtroppo, quando una piccola comunità si ingrandisce, paradossalmente si chiude su se stessa creando disagi alla popolazione locale.

Ad ora, a Civita Castellana, ci sono 3 negozi di ragazzi cinesi (che conosco personalmente). Trattati benissimo, non esiste razzismo/intolleranza, sono anche una manna perchè vendono gli stessi prodotti a prezzi inferiori (leggasi sono più onesti oltrechè più svegli). E poi son sempre allegri, cazzaccio! In una società dove sono tutti avvelenati dalla mattina alla sera per un nonnulla, qualcuno che ride ti riempie anche la giornata di gioia e ti fa dire "ma chissenefrega, facciamoci una risata pure noi".
Ma se questi negozi diventassero 300 e i proprietari iniziassero a far cose di cui a Prato ne han le balle piene cosa succederebbe?


Portando il discorso in Cina, ho notato che è vero quel che dice ZhouEnlai riguardo il razzismo verso gli expat, ma posso aggiungere, cosa di non poco conto e collegandolo alla nostra penisola, che questo è molto pi evidente in grandi città come Pechino e Shanghai, ovvero dove gli expat sono parecchi (uguale a Roma). Magari posso anche dire che a "ragione" ci prenderebbero a calci nel culo (non ci siamo mica comportati benino con i cinesi, dato che gli rompiamo i coglioni da 100 anni, li trattiamo da "inferiori" e nella loro più bella occasione, Beijing 2008, il nostro scopo è stato solo quello di cercare di rovinargli le Olimpiadi) però spesso l'aria che si respira è abbastanza pesante.

Nelle piccole città succede esattamente quel che succede da noi. Veniamo visti con curiosità. Ci fanno mille domande. Cazzo se ci guardano come alieni !

Sono stato in locali dove di laowai non se ne vedono mai e la gente mi stringeva la mano. Anche in discoteca. Alcuni mi portavano in giro per il paese orgogliosi, come se fossi qualcosa di raro e importante. Vedi se a Pechino ti capita invece che qualcuno, anche un pò alticcio, ti piazza un bel cazzottone in faccia prima che tu te ne accorga...

E' anche vero che la Cina è molto grande e da regione a regione (son 33) cambiano gli sui e costumi.

Hong Kong è un mondo a parte. Non sai chi è l'indigeno e chi l'expat e sinceramente è proprio una figata.

Quindi non facciamo di tutta l'erba un fascio...

Per ora mi fermo qui sennò è troppo lungo e non lo legge nessuno. Chiedo scusa se qualcosa possa non risultare chiaro...
C'è un elemento che ha rovinato questo forum. E' stato lasciato libero di agire usando modalità di dialogo che vengono usate in politica (ex PCI). Negare sempre tutto a favore dell'ideologia, mettere in bocca agli altri cose mai dette. Caos.

Rigira tutte le frittate e prende gli utenti per sfinimento. Che alla fine sbroccano.

Razzista contro gli italiani (è italiano), cerca di mettere indigeni e migranti l'uno contro l'altro. Creando divergenze.

E Associna ringrazia.

Il suo nick è cavallo.

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #10 il: 14 Dicembre, 2011, 15:07:12 pm »
sono daccordo...

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #11 il: 14 Dicembre, 2011, 15:20:54 pm »
l'utente col nick "zhou en lai" scrive (chissà se le sue di lenzuolate piacciono più delle mie...):

visto che dici di aver almeno lavorato in Asia, avrai notato meglio di me che i cinesi in Asia sono vittime del razzismo quasi OVUNQUE per gli stessi identici motivi per cui lo sono in europa e in america !

non chiederti quindi DOVE si presenti il razzismo cinesi perche' onestamente fai prima a chiderti dove NON si presenta ...

i cinesi di Bangkok e ChiangMai ? i cinesi a Phnom Penh ? a Saigon ? la chinatown a Yangon/Rangoon ? la mafia cinese a Penang e Kuala Lumpur ? il sindaco cinese a Singapore ? e la lista e' kilometrica....

non rispondo su questo punto a chi non capisce la differenza fra "razzismo" ed "etnocentrismo"....

ma come fai a dire che non esistono autori cinesi razzisti ? l'intera cultura cinese da 5000 anni si basa sulla favola dell'essere il "regno di mezzo" fuori dal quale ci sono solo barbari, laowai, e nemici !
questa affermazione, che gronda sinofobia e disprezzo per migliaia di anni di cultura cinese, continua a non capire che "etnocentrismo" é diverso da "razzismo"; anche i Romani consideravano i popoli che non avevano cultura romanizzata "barbari" ma ebbero imperatori NORDAFRICANI (cosa che nessun razzista accetterebbe mai...) e "han" é "razza" solo per chi crede che esistano le razze (che non esistono), mentre é un coacervo di etnie unificate culturalmente e che si riconoscono in tale unità culturale e non "razziale" (anche perché biologicamente del tutto affini ai loro vicini asiatici.....)! se si usa la denominazione "regno di mezzo" come falsa dimostrazione del razzismo di 5.000 anni di Storia cinese (dove in NESSUN testo confuciano, taoista o buddista si trova il suprematismo razzista che Dubbio ha ricordato essere alla base di leggi e concezioni europee, in particolare iberocattoliche all'origine, dal XVI secolo....) si é del tutto fuori strada, nel migliore dei casi, o in malafede.

non e' un caso infatti che i pochi stranieri che ammirano siano i soliti "advisors" o "experts" che hanno contribuito alla scienza e cultura cinese, non cito il solito e ovvio Marco Polo ma in primis i vari Matteo Ricci e i suoi gesuiti senza i quali in cina manco conoscevano le semplicissime equazioni di terzo grado tradotte da libri di matematica dal latino al mandarino !
conferma del disprezzo verso una cultura millenaria che ha prodotto contributi eccezionali per l'intera Umanità e che solo i razzisti sinofobi e/o chi ignora del tutto la Storia nega; consiglierei almeno di leggere la rivista di marcowong IT'S CHINA, dove su questo tema scrive un certo...silvio marconi (gratis e su richiesta del suo editore....); inoltre  mi pare tanto il linguaggio di huangi (pluribannato da quesrto Forum), tornato sotto altra veste violando il regolamento.....

un uso cioe' al 100% "utilitaristico" ed egoista, col solito concetto caro a tutta l'asia del "imparare e copiare dallo straniero per poi fotterlo" che poi e' stata la specialita' di japponesi e koreani se e' per questo.
dalla sinofobia si passa alla criminalizzazione di tutti i Popoli estremo-orientali: ucci ucci, sento puzza di razzistucci......ma certamente sono io che esagero, non li ha neppure chiamati ancora "musi gialli".....

come fai poi a dire non ci siano mai state leggi razziali ? dopo il 1951 tutti gli stranieri sono stati espulsi o peggio ...Shanghai si e' svuotata ad esempio ... e prima ancora i gesuiti che fine han fatto ? uccisi o deportati perche' avevano troppo potere nella corte imperiale.
voluta confusione fra "stranieri" e "razza/etnia": l'"utente" fa finta di scordare che gli ebrei tedeschi (colpiti dalle leggi razziali nel 1933) e quelli italiani (1938) NON ERANO STRANIERI ma cittadini dei 2 Stati e lo erano da generazioni, secoli, talora millenni, ma lui lo sa bene e confonde malamente 2 cose che sono ovviamente diverse....

'la stessa guerra contro il giappone non sarebbe su basi razziali scusa ?
lo stesso partito comunista cinese deve il suo successo finale proprio alla propaganda anti-japponese, se sai di cosa stiamo parlando... e non lo dico io ma lo dice Mao Zedong in persona se hai voglia di leggere qualche libro in merito.

nuova gravissima confusione: la guerra contro i Giapponesi era per i Cinesi GUERRA CONTRO L'INVASORE (che lui razzista lo era davvero, come ha dimostrato anche a Nanjing, avendo imparato dai tedeschi....) esattamente come quelle contro i nazisti in Francia (avevano LA STESSA ORIGINE ETNICA invasi ed invasori...), in Russia, contro i Francesi napoleonici in Spagna, come ogni guerra contro l'invasore: il razzismo di chi si difende dall'invasore armato non esiste, si chiama PATRIOTTISMO......

Associna : se tu vivessi in cina sapresti benissimo che il governo con una mano dice una mano e con l'altra mano nasconde la dura realta'.... se prendessimo alla lettera le flautolenze del CCP la cina sarebbe il paradiso terrestre e una societa' "armoniosa", hahaha .....
fantastica confusione fra ASSOCINA e il PCC; resta il fatto che nessuna legge o documento del governo cinese (attuale e precedenti degli ultimi millenni, esclusi gli occupanti mongoli e manchù...) contiene concezioni razziste, diffusissime invece in leggi e concezioni dei governi europei, da Filippo II di Spagna a Mussolini a Bossi....

la costituzione italiota da' voce a cani e porci, inclusi fascisti razzisti nazisti nonche' comunisti stalinisti satanisti e peggio .... non vedo dove sia il vanto di essere "in regola" con la costituzione ? ma appunto non vedo neppure alcun ringraziamento per poterlo fare visto che in cina vi metterebbero in gabbia.
altra simpatica ammissione che taglia la testa al toro: il similhuangi "autore" di queste frasi sputa sulla Costituzione Italiana e si qualifica così da solo.....

sorry ma il razzismo contro i cinesi lo avete creato voi da soli, e'quindi nelle vostre mani essere ben accetti, e su questo non ho altro da aggiungere.
il povero autore continua a non capire che io sono Italiano non solo di passaporto ma di origini, da secoli (forse miei lontani antenati erano Occitani e Arabi...nel Medioevo)

tu quindi rappresenti Associna ?
no, io non rappresento ASSOCINA ma mi riconosco, al contrario di te che sputi su Cina, Costituzione Italiana, antirazzismo, ecc., in TUTTI i suoi scopi e per questo collaboro convintamente,  come posso, alle sue iniziative ed a quelle di altri soggetti (singoli Associni, altre Associazioni, Sindacati, ecc.) che hanno quegli scopi che tu avversi...sulle pagine del Forum di ASSOCINA::::


se non altro me la rido perche' in cina trattano molto meglio gli expats come me che non uno come te "cinese overseas" perche' dopo tutte le cose che dici e scrivi tu la' devi stare attento ad aprire bocca, io no. italiano : si sei italiano di passaporto ma non sarai mai italiano o europeo nel vero senso della parola, o lo accetti o lo dovrai amaramente accettare prima o dopo.
idem: non sono un oversea o una seconda generazione, ma non mi vergognerei di esserlo perché non disprezzo i migranti e i loro discendenti come fai provocatoriamente tu sul sito di una Associazione come ASSOCINA....

e ho tutti i diriti di venir qui a dirtelo, e' un forum pubblico e lo scopo di un forum e' la discussione pacata e civile, questo include ti piaccia o meno le critiche di chi non la pensa come te e come voi, se sei una persona civile e seriamente interessata all'argomento possiamo avere un fruttuoso scambio di vedute, se sei un bambino che fa i capricci puoi bannarmi e compiacerti che il mondo sia tutto rose e fiori come tu ti illudi.
non poso bannarti (non sono moderatore), ma di civile e pacato in quel che scrivi sputando su migliaia di anni di cultura cinese e sui migranti, oltre che sulla Costituzione Italiana, non c'é assolutamente nulla e i personaggi come te (qualunque sia il loro passaporto) vanno solo combattuti, con cento e cento iniziative anche come quelle di quella ASSOCINA del cui sito ti servi per diffondere falsità storiche, sinofobia e denigrazione della Costituzione Italiana....


altro che farci le manfrine a noi italiani che siamo pure troppo buoni e da un dito ci prendono il braccio !
grazie della conferma del tuo livore nordestino contro i migranti: lo conosco bene e fino a poche settimane fa stava pure al Governo......

su Zhou Enlai potrei scrivere a lungo, ma che sia stato antirazzista mi spiace ma ... hahaha ...sai meglio di me che lo ha fatto solo per biechi motivi politici e convenienza personale, Mao si era perfino fatto culo e camicia coi comunisti albanesi se e' per questo, ma mi sembra del tutto off topic, tanto piu' parlando di nazionalisti cinesi che vedevano con terrore qualunque interferenza straniera a partire dai loro stessi vicini di casa vietnamiti, mongoli, koreani, etc per poi litigare coi russi e infine "allearsi" con gli americani ! ??
non pretendo che tu conosca il pensiero di Zhou en lai, che fu tra i dirigenti del PCC cinese, quello più coerentemente schierato a fianco della lotta antirazzista in tutto il Pianeta.... quel che scrivi é talmente grondante falsità sinofobe che non posso pretendere molto....da chi (come questo similhuangi....: io approfondirei la sua identità...) non ha neppure capito di che origini sono io....
 
divertiti pure col tuo hobby di avere una ONG ma sai benissimo che si basa sull'ignoranza dei cinesi italiani vittime della propaganda sia anti-cinese che pro-cinese e mai per esperienza diretta in merito.
non vedo onestamente differenza tra voi e i leghisti o altre correnti di pensiero etno-centriche.

naturalmente non HO nessuna ONG e ASSOCINA non é affatto mia o creata da me, quindi giro agli organizzatori ed ai moderatori di Associna i "fantastici" espliciti insulti che tu rivolgi loro, usando lo spazio da loro creato per tirare loro addosso fango....

del resto scrivi:
se subisci razzismo la colpa e' TUA per il semplice fatto che non sei come gli altri !
e' tanto difficile da capire ?

potete aprire 1000 ONG ...e chiunche vi guardi in faccia vedra' che siete cinesi !


grazie che ti sei smascherato da solo così presto.....
« Ultima modifica: 14 Dicembre, 2011, 15:29:06 pm da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

Dubbio

  • Visitatore
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #12 il: 14 Dicembre, 2011, 19:27:12 pm »
la costituzione italiota da' voce a cani e porci, inclusi fascisti razzisti nazisti nonche' comunisti stalinisti satanisti e peggio ....
Mi pare evidente che la costituzione italiana non la conosci e dunque faresti  meglio a non parlarne.

Ma siccome la definisci costituzione "italiota", è chiaro che l'obiettivo non era criticare la costituzione ma insultarla.

Per quanto mi renda conto, da come scrivi, che sei massacrato dalle frustrazioni che sembri avere subito come expat, sfogare la tua aggressività su questo forum non aiuta né te né noi.

In ogni caso hai fatto affermazioni apertamente razziste, e dovresti quindi riflettere sul fatto che qui sei la persona sbagliata nel posto sbagliato.



cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #13 il: 14 Dicembre, 2011, 20:23:44 pm »
straquoto Dubbio
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

MBC II

  • Livello: Straniero / Laowai
  • **
  • Post: 77
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Ricerca ARCI-UNAR su razzismo verso 2nde generazioni
« Risposta #14 il: 15 Dicembre, 2011, 02:20:22 am »
premesso che siamo andati abbondantemente fuori tema anche da chi si e' sempre vantato di difendere le inviolabili e sacre regole del forum, vorrei precisare a chi in un futuro prossimo potrebbe sfruttare il mio silenzio che la mia posizione e' alquanto lontana da quella sanguigna di Zhou enlai.

Vivendo 11 anni in cina, e avendo visto delle discriminazioni che subiscono sia i clandestini (quelli definiti da marco W) sia le minoranze etniche comprendo anche le posizioni che dubbio e altri che non abbiano vissuto in asia possano avere nei confronti di Zhou enlai: lui conosce quello di cui parla ma ha esagerato. Vero e' che in asia e specificatamente in cina il razzismo e la xenofobia conivono felicemente nella societa armoniosa che il pcc si sforza di mostrare (propagandare) sia nei suoi confini che all estero. Cosi come vasco minimizza l episodio razzista avvenuto a firenze, cosi il pcc minimizza il razzismo e la xenofobia(e il nazionalismo han). Questo per, a mio avviso, limitare il "contagio". E fa bene!
Vero e' che idealizzando uno stato e denigrando un altro si crea "mercato" per i veri razzisti, gli si fornisce di spazio vitale per creare adepti.
Cosi come si fa bene a contrastare il razzismo, ma non con le crociate busheriane post-11 sept., bisognerebbe anche rimanere onesti nei confronti dei propri miti.