I primati del nuovo Papa - Attualità - Associna Forum

Autore Topic: I primati del nuovo Papa  (Letto 992 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
I primati del nuovo Papa
« il: 14 Marzo, 2013, 07:40:58 am »

http://www.repubblica.it/speciali/esteri/conclave-papa-elezioni2013/2013/03/13/news/fumata_bianca_eletto_il_nuovo_papa-54494392/?ref=HREA-1

http://www.corriere.it/esteri/speciali/2013/conclave/notizie/13-03-elezione-pontefice_56e92818-8c0a-11e2-8351-f1dc254821b1.shtml

http://www.corriere.it/esteri/speciali/2013/conclave/notizie/14-mar-papa-cucina-solo_7d1a4a6c-8c6e-11e2-ab2c-711cc67f5f67.shtml

il primo pontefice:
- di nazionalità non europea;
- figlio di un emigrante italiano;
- proveniente dal Sud del Mondo;
- gesuita;
- che sceglie il nome di Francesco
- che ha donato ai poveri i beni della Diocesi;
- che si é sempre schierato dalla parte dei poveri e contro le ipocrisie;
- che da cardinale non viveva nell'Arcidiocesi ma in un appartamentino in affitto;
- che viaggiava in bus e metropolitana rifiutando l'automobile;
- che chiede al popolo romano di invocare su di lui la benedizione divina (inchinandosi ad esso) prima di benedirlo
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

Gia_76

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 319
    • Mostra profilo
Re:I primati del nuovo Papa
« Risposta #1 il: 14 Marzo, 2013, 11:55:27 am »
Anch'io da credente sono molto contento, soprattutto, essendo stato in sudamerica tanti anni fa e conservandone tuttora un ricordo di grande umanità e cordialità, c'è la speranza fondata che il nuovo papa abbia queste qualità umane in cui i latinoamericani eccellono, già come si è presentato depone molto bene a suo favore. Oltre al nome, che fa sperare in un "programma" papale attento ai poveri e deboli, Gad Lerner faceva ieri notare che Papa Francesco non ha mai usato il termine "papa" nella sua presentazione, ma solo "vescovo di Roma"  indicando probabilmente la spinta verso una maggiore collegialità nelle decisioni.