Nel libro di una americana: come ci vedono i cinesi - Arte - Cultura - Storia - Associna Forum

Autore Topic: Nel libro di una americana: come ci vedono i cinesi  (Letto 981 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Idra

  • Socio di Associna
  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *
  • Post: 2.842
    • Mostra profilo
Nel libro di una americana: come ci vedono i cinesi
« il: 24 Giugno, 2005, 11:37:02 am »
Il titolo ?Foreign Babes in Beijing: Behind the Scenes of a New China, l'autrice ?Rachel DeWoskin, figlia di un sinologo americano, trasferitasi a Pechino a 22 anni nel 1989. Nelle sue pagine racconta l'esperienza di una occidentale (favorita dalla conoscenza del mandarino) alle prese con i pregiudizi dei cinesi nei confronti delle donne bianche: sessualmente facili e disinibitie, infedeli, spregiudicate. Diventata protagonista di una telenovela locale per la sua avvenenza (Foreign Babes in Beijing, appunto), la DeWoskin ?stata identificata con il personaggio di "rubamariti" impersonato davanti a centinaia di milioni di cinesi e definita kaifang ("persona aperta, di larghe vedute") che anzich?un complimento diventa un insulto se riferito a una ragazza. Pregiudizi, comprensibili, anche sulla dieta vegetariana (considerata sintomo di povertòfamiliare), sull'ossessione per la pulizia, sulla maleducazione a tavola, sul ridere senza coprire la bocca con la mano, sul non offrire il nostro piatto ai commensali vicini. Non sono esenti neppure gli uomini: gli occidentali in generale sono considerati meno intelligenti degli asiatici, e addirittura maniaci sessuali, seppure pi?cortesi con le proprie mogli rispetto ai mariti locali.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Idra »

KyoKusanagi

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 812
    • Mostra profilo
    • http://italianpandas.blogspot.com/
(Nessun oggetto)
« Risposta #1 il: 26 Giugno, 2005, 12:57:50 pm »
per la cronaca la serie televisiva è stata vista da + di 600mln di cinesi...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da KyoKusanagi »