Gli sguardi - page 1 - Poesie & Pensieri - Associna Forum

Autore Topic: Gli sguardi  (Letto 3688 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Nass_hui

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 110
    • Mostra profilo
    • http://www.islam.forumup.it
Gli sguardi
« il: 22 Aprile, 2007, 11:51:39 am »
Ciao a tutti :-)

Siamo tutti figli di una terra che non ci appartiene, spesso nati e cresciuti lontano dalla patria dei nostri avi.
Per quanto mi riguarda, sono un normalissimo ragazzo di 18 anni con i suoi sogni, le sue passioni e le sue aspettative per il futuro.
Eppure nella mia normalità, c'è qualcosa che mi distingue dalla amggior parte degli abitanti di questo mio amato continente: sono musulmano.
Questo mio modo di amare la vita e legere la realtà molte volte è causa, da parte di alcune persone, di diffidenza nei miei confronti e dei musulmani in generale.

Ma perchè? perchè accade tutto questo?...da dove viene tutta questa diffidenza...?
Tutto ci? avviene a causa del comportamento sconsideratodi alcuni soggetti, e dell'ignoranza di molti altri.
Questo a mio avviso è un insensata e ingiusta generalizzazione che pu? essere spiegata con una sola parola: razzismo.

Quello che ho detto fino ad ora purtroppo non è molto distante da quanto spesso accade alle comunità cinesi in Europa.
In effetti, senza peli sulla lingua, sappiamo bene che molte volte i cinesi vengono discriminati e additati per colpe che spesso dovrebbero essere attribuite a uno o due individui (come ad es. i problemi di criminalità dovrebbero essere attribuiti solo ai criminali e non ad un intera comunità) o presi in giro come fossero dei perfetti idioti (vedi pubblicità ecc ecc).

La domanda che spesso mi faccio si articola così:
"? davvero possibile che alcune persone giudichino in base al colore della pelle, delle credenze religiose e in generale per le differenze di appartenenza etnica?"
L'unica soluzione a cui sono potuto arrivare, anche grazie ai miei studi di filosofia e religione, ma sopratutto grazie al mio essere uomo, è che la terra non appartiene a nessun uomo.
Forse il giorno in cui per dare un giudizio comincieremo a scrutare nel cuore delle persone, ci accorgeremo che le differenze fisiche e etniche non hanno alcuna importanza, e che bensì come uomini esiste sempre una via d'incontro.
E forse  quando tutto ci? accadrà, sulla terra ci sarà la pace.

Un saluto di pace e amicizia.


Nass
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Nass_hui »
\"All you need is a dream\" [Sifu Wang Zi Ping]

Giorgio

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.047
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #1 il: 22 Aprile, 2007, 14:15:23 pm »
Di sicuro un atteggiamento di PREgiudizio deriva dall'ignoranza, ma vi sono anche molti che dopo aver conosciuto si fanno una determinata idea, che pu? essere determinata sia dalla pure differenza culturale in sè, sia dai "gusti", diciamo così.
Si fa presto ad esorcizzare chi non è in armonia con noi dandogli dell'ignorante. Per carità molti sono così, ma ripeto non tutti.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Giorgio »

Nass_hui

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 110
    • Mostra profilo
    • http://www.islam.forumup.it
(Nessun oggetto)
« Risposta #2 il: 22 Aprile, 2007, 15:28:00 pm »
Citazione da: "Giorgio"
Per carità molti sono così, ma ripeto non tutti.


Sono daccordo con questa tua affermazione:-) sarebbe un macello se tutti fossero così....ma molti sono così.....e quel molti a mio avviso è ancora troppo.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Nass_hui »
\"All you need is a dream\" [Sifu Wang Zi Ping]

ShaoYan

  • Socio di Associna
  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • *
  • Post: 1.694
    • Mostra profilo
    • http://qiyan09.wordpress.com/
(Nessun oggetto)
« Risposta #3 il: 22 Aprile, 2007, 16:46:51 pm »
La discriminazione esiste anche tra persone dello stesso paese.
Devi essere forte e far vedere la vera persona che sei.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da ShaoYan »

cilex

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 4.468
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #4 il: 24 Aprile, 2007, 17:03:39 pm »
Per nass: prima di tutto devi capire, che i popoli si distinguono per le loro differenze, il mondo globalizzato sta distruggendo le differenziazioni e ci sta rendendo tutti uguali. ma se fossimo tutti uguali non avremo i problemi che elenchi te di razzismo ecc.... ma perderemmo quella plurità di concetti e diciamocelo anche di ricchezza che ognuno di noi conserva intrinsecamente dentro delle sue terre natie....(anche se non è nato). Io penso che la discriminazione sia un prezzo da pagare se vogliamo conservare questa ricchezza, e se ti discriminano è solo perchè vogliono arricchire la loro diversità e con ci? la loro ricchezza, il senso di appartenenza al gruppo e la differenza con altri fa in modo tale da accentuare e da una ricchezza valutativa, almeno nel sociale. Pensa se sarremmo tutti uguali non ci sarebbe più discriminazione, ma in compenso non saremmo ricchi socialmente!!!

Vuoi essere assimilato, o vuoi arricchire gli altri con la tua ricchezza, e loro con la loro??? soffri adesso, per non soffrire in futuro :wink:
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cilex »
Non lasciatevi scoraggiare da coloro che delusi dalla vita, sono diventati sordi ai desideri più profondi ed autentici del loro Cuore!!!

Giovanni Paolo II 16.X.1978 - 2.IV.2005

Nass_hui

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 110
    • Mostra profilo
    • http://www.islam.forumup.it
(Nessun oggetto)
« Risposta #5 il: 25 Aprile, 2007, 12:54:18 pm »
Citazione da: "cilex"
Pensa se sarremmo tutti uguali non ci sarebbe più discriminazione, ma in compenso non saremmo ricchi socialmente!!!

Vuoi essere assimilato, o vuoi arricchire gli altri con la tua ricchezza, e loro con la loro??? soffri adesso, per non soffrire in futuro :wink:


Io non ho mai parlato diessere tutti uguali.....essere tutti uguali sarebbe la più grande povertà che il mondo potrebbe incontrare.
Ma non sono daccordo con il tuo discorso.
Quello che io volevo e voglio dire è che si, ci sono delle diversità, ma si pu? vivere benissimo in pace. Questo non vuol dire ''occidentalizzarsi'' o assimilare altre componenti etniche a scapito delle nostre. Vuol dire essere coscienti che ci sono altre realtà all'infuori della nostra, e che non sono in alcun modo di minor valore....sono semplicemente diversità!

Ora, se il tuo discorso è quello di tollerare il razzismo non posso proprio sostenerlo. Io sono musulmano e altri sono qualcos'altro, e nessuno di noi vuole assomigliare all'altro proprio per non perdere quella ricchezza che proviene dalle nostre origini....dalla nostra diversità!

Ripeto il mio discorso è basato sulla seguente affermazione: Ci sono diversità e bisogna imparare a convivere, non tollerare (perchè è una parola che trovo degradante), ma convivere in pace ogni uno con la propria cultura, credenza e appartenenza etnica...

E per ottenere questo non sono proprio convinto che sia necessario tolelrare il razzismo....
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Nass_hui »
\"All you need is a dream\" [Sifu Wang Zi Ping]

Giorgio

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.047
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #6 il: 26 Aprile, 2007, 00:03:20 am »
Mah se uno vuole condividere le diversità degli altri va bene, sennò i fa i fatti propri e non disturba nessuno, sperando però di non venire disturbato a sua volta.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Giorgio »

Ling

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 191
    • Mostra profilo
    • http://ordnascrazy.blogspot.com/
(Nessun oggetto)
« Risposta #7 il: 26 Aprile, 2007, 12:22:00 pm »
Il cervello umano, come il cervello degli animali complessi in generale, è strutturato in modo tale da riuscire a trovare regolarità in ci? che vede e sente.
Il fatto che ogni 365 si ripete il ciclo stagionale è stata una delle ragioni che ci ha permesso di capire che la Terra gira intorno al Sole.

Il pregiudizio, a mio modesto parere, è un meccanismo spontaneo, di autodifesa, che mi pare sia molto istintivo. Ho due gatti e ho notato quanto essi mostrino questo atteggiamento.

Mi spiego meglio. Sono un bambino (o un gatto) e giro per strada. Per me molte cose di quelle che vedo sono nuove. Una tra tutte è l'ombrello. Non ne ho mai visto uno e quando si avvicina un signore che ne sfoggia uno, mi avvicino incuriosito. Per un motivo che non so, il signore mi da l'ombrello in testa. Mi fa malissimo. Mi spavento. Fortunatamente l'uomo si allontana e rimango solo con il dolore e lo spavento.
Vado oltre e in lontananza vedo un altro signore che ha in mano un ombrello. A quel punto, prima che questi mi veda o sia troppo vicino, mi nascondo.
Questa è la prima fase di pregiudizio. Tal caso è simile del tutto a un processo istintivo di auto-preservazione.
Il semplice ragionamento instaurato è "uomo + ombrello" == "dolore", allora scappo.

Non ho voglia di avvicinarmi ad un altro signore con un ombrello. Ne vedo passare alcuni, ma non mi avvicino. Non mi fido. Alcuni passano indifferenti verso altre persone (o gatti). Poi, uno di essi agisce violentemente. Colpisce, come aveva fatto con me, un altro. A quel punto cerco altre persone che siano testimoni degli stessi fatti. Questa malvagità deve finire. Siamo liberi e liberi vogliamo rimanere. E ora di insorgere.
Ovviamente la storia che sto raccontando è semplice e banale, ma è fatta apposta per far emergere maggiormente il tipo di meccanismo che vi soggiace.
Ora il discorso è questo. L'uomo è un animale sociale; si organizza. In tal senso, se un gruppo d'umani percepisce un pericolo comune, si organizza per sconfiggerlo e far ritornare la pace. Purtroppo, il dolore subito e visto in altri, pu? rischiare di farci organizzare una rivoluzione prima ancora di aver capito una cosa semplice: "uomo + ombrello" = "cattivo" o no? Oppure solo una parte di loro è malvagio?


Penso di poter affermare, che il pregiudizio sia istintivo e giusto in taluni casi. Certo è che, come esseri intelligenti, dobbiamo riuscire a capire se, nel nostro giudizio, siamo influenzati dalla paura.

Ma questo non è per tutti... e, fatti dire, che non sempre è semplice... purtroppo...


« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Ling »
Ling (灵)á术感情理。
http://ordnascrazy.blogspot.com/

Nass_hui

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 110
    • Mostra profilo
    • http://www.islam.forumup.it
(Nessun oggetto)
« Risposta #8 il: 26 Aprile, 2007, 12:56:43 pm »
Che non è sempre facile è assolutamente vero...
Purtroppo però il tuo ragionamento non tiene conto di molte delle cose che ci condizionano nella società....come false informazioni dei media, dai l'abbiamo visto con Milano, nella guerra del Vietnam e lo vediamo ora in medio oriente...
Certo se io prendo una bastonata è facile poi avere parua del bastone e credere che tutti quelli con il bastone siano cattivi, il mio discorso è basato sul perchè una volta o l'altra invece di guardare il bastone.....non guardiamo chi lo brandisce e perchè lo usa in modo malvagio?

Si possono fare mille discorsi, ma il fatto è che il pregiudizio, inteso come pregiudizio raziale non è una cosa razionalmente concepibile.
Poi come dice Giorgio chiaro che se a uno non gliene frega lascia passare....ma non si parla di queste persone.

Insomma lo sappiamo bene tutti che esiste la discriminazione.....e non si pu? negare.
E come dici te, forse si è così, la gente è condizionata dalla paura....paura di cosa? Non credo lo sappiano nemmeno loro.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Nass_hui »
\"All you need is a dream\" [Sifu Wang Zi Ping]

Ling

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 191
    • Mostra profilo
    • http://ordnascrazy.blogspot.com/
(Nessun oggetto)
« Risposta #9 il: 26 Aprile, 2007, 14:13:10 pm »
Citazione da: "Nass_hui"
Che non è sempre facile è assolutamente vero...
Purtroppo però il tuo ragionamento non tiene conto di molte delle cose che ci condizionano nella società....come false informazioni dei media, dai l'abbiamo visto con Milano, nella guerra del Vietnam e lo vediamo ora in medio oriente...
Certo se io prendo una bastonata è facile poi avere parua del bastone e credere che tutti quelli con il bastone siano cattivi, il mio discorso è basato sul perchè una volta o l'altra invece di guardare il bastone.....non guardiamo chi lo brandisce e perchè lo usa in modo malvagio?

Si possono fare mille discorsi, ma il fatto è che il pregiudizio, inteso come pregiudizio raziale non è una cosa razionalmente concepibile.
Poi come dice Giorgio chiaro che se a uno non gliene frega lascia passare....ma non si parla di queste persone.

Insomma lo sappiamo bene tutti che esiste la discriminazione.....e non si pu? negare.
E come dici te, forse si è così, la gente è condizionata dalla paura....paura di cosa? Non credo lo sappiano nemmeno loro.


Sono d'accordo con te che, la paura è molto spesso sinonimo d'ignoranza. Pochi provano la paura per qualcosa che conoscono bene.

Un esempio semplice?
C'è chi ha paura dei gatti. Eppure ci sono tantissime persone che li amano.
C'è chi dai gatti viene graffiato. Eppure ci sono una marea di persone che hanno vissuto la propria vita con i gatti e non hanno mai ricevuto un solo graffio.
La differenza? C'è chi i gatti li conosce o impara a conoscerli, c'è chi non li conosce e rischia di farsi male.

Purtroppo, è vero ci? che dici a mio parere: c'è molta paura che non è giustificata e questa paura rischia di portare ad un pregiudizio distruttivo (razzismo).

La via giusta? Cercare di superare il pregiudizio e capire maggiormente ci? che lo crea.

Purtroppo c'è un limite. Se ci dovessimo preoccupare di informarci bene su tutti i possibili casi in cui entriamo in un possibile pregiudizio, cavoli!, non ne usciremo più. Se per ogni gruppo etnico in Italia, ci dovessimo preoccupare di capirne la storia, le motivazioni, i disagi, i perchè, potremmo passare una vita anche solo a fare tutto ci?, senza ricavarne niente.

Qual'è allora la soluzione? Cercare di non "bere" tutto quello che i giornali, la gente e le dicerie in generale ci raccontano; non "bere", ma tenerne conto! Avere un po' di pregiudizio (per non correre pericoli), ma avere ben coscenza della sua esistenza solo come mancanza d'informazione.

Quando vedo che l'ignoranza di alcuni individua arriva a inveire contro un gruppo etnico senza un motivo, senza un perchè e con assoluto razzismo, mi viene solo da piangere...

« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Ling »
Ling (灵)á术感情理。
http://ordnascrazy.blogspot.com/

Nass_hui

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 110
    • Mostra profilo
    • http://www.islam.forumup.it
(Nessun oggetto)
« Risposta #10 il: 26 Aprile, 2007, 22:14:27 pm »
Citazione da: "Ling"

Sono d'accordo con te che, la paura è molto spesso sinonimo d'ignoranza. Pochi provano la paura per qualcosa che conoscono bene.

Un esempio semplice?
C'è chi ha paura dei gatti. Eppure ci sono tantissime persone che li amano.
C'è chi dai gatti viene graffiato. Eppure ci sono una marea di persone che hanno vissuto la propria vita con i gatti e non hanno mai ricevuto un solo graffio.
La differenza? C'è chi i gatti li conosce o impara a conoscerli, c'è chi non li conosce e rischia di farsi male.

Purtroppo, è vero ci? che dici a mio parere: c'è molta paura che non è giustificata e questa paura rischia di portare ad un pregiudizio distruttivo (razzismo).

La via giusta? Cercare di superare il pregiudizio e capire maggiormente ci? che lo crea.

Purtroppo c'è un limite. Se ci dovessimo preoccupare di informarci bene su tutti i possibili casi in cui entriamo in un possibile pregiudizio, cavoli!, non ne usciremo più. Se per ogni gruppo etnico in Italia, ci dovessimo preoccupare di capirne la storia, le motivazioni, i disagi, i perchè, potremmo passare una vita anche solo a fare tutto ci?, senza ricavarne niente.

Qual'è allora la soluzione? Cercare di non "bere" tutto quello che i giornali, la gente e le dicerie in generale ci raccontano; non "bere", ma tenerne conto! Avere un po' di pregiudizio (per non correre pericoli), ma avere ben coscenza della sua esistenza solo come mancanza d'informazione.

Quando vedo che l'ignoranza di alcuni individua arriva a inveire contro un gruppo etnico senza un motivo, senza un perchè e con assoluto razzismo, mi viene solo da piangere...




 :-)

Però hai ragione.....non è così facile. Ma se scrivo è proprio per cercare di portare un pò avanti le cose^__^
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Nass_hui »
\"All you need is a dream\" [Sifu Wang Zi Ping]

lichunhaug

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 506
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #11 il: 28 Aprile, 2007, 09:20:07 am »
vedi nass per te forse è + facile nn essere discriminato, basta convertiti al cristianesimo( sto facendo solo un esempio :-D ), per un cinese che si converte al cattolicesimo, cinese rimane x gli altri...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da lichunhaug »
Ichi ni san shi 我是无敌!!!

Nass_hui

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 110
    • Mostra profilo
    • http://www.islam.forumup.it
(Nessun oggetto)
« Risposta #12 il: 28 Aprile, 2007, 12:22:43 pm »
Citazione da: "lichunhaug"
vedi nass per te forse è + facile nn essere discriminato, basta convertiti al cristianesimo( sto facendo solo un esempio :-D ), per un cinese che si converte al cattolicesimo, cinese rimane x gli altri...


Ti ricordo che in ogni caso ho sangue nord africano....e il mio nome è un marchio (del quale sono fiero) almeno quanto il tuo essere cinese.
Ti ricordo che in Occidente alla gente non gli frega molto se sei cristiano, li si ti tollerano....ma se sei occidentale.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Nass_hui »
\"All you need is a dream\" [Sifu Wang Zi Ping]

Giorgio

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.047
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #13 il: 29 Aprile, 2007, 12:02:57 pm »
Citazione da: "Nass_hui"
Ti ricordo che in ogni caso ho sangue nord africano....e il mio nome è un marchio (del quale sono fiero) almeno quanto il tuo essere cinese.
Ti ricordo che in Occidente alla gente non gli frega molto se sei cristiano, li si ti tollerano....ma se sei occidentale.

Di sicuro quello che avete in comune è il vittimismo...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Giorgio »

Nass_hui

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 110
    • Mostra profilo
    • http://www.islam.forumup.it
(Nessun oggetto)
« Risposta #14 il: 29 Aprile, 2007, 21:23:53 pm »
Citazione da: "Giorgio"
Di sicuro quello che avete in comune è il vittimismo...


Quel che abbiamo in comune è il mettere alla luce il razzismo :wink:
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Nass_hui »
\"All you need is a dream\" [Sifu Wang Zi Ping]