Rapporto al CERD per il "racist hate speech" - Diritti dell'immigrato & Osservatorio - Associna Forum

Autore Topic: Rapporto al CERD per il "racist hate speech"  (Letto 1468 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Rapporto al CERD per il "racist hate speech"
« il: 30 Agosto, 2012, 06:42:04 am »
http://www.cronachediordinariorazzismo.org/2012/08/hate-speech-8-organizzazioni-italiane-consegnano-un-rapporto-al-cerd/

Il rapporto denuncia la preoccupante diffusione in Italia dell’incitamento all’odio razziale nel discorso pubblico politico e mediatico, specialmente nei confronti di rom e sinti, nonché un incremento del razzismo diffuso attraverso internet e i social network.La redazione del documento congiunto si inserisce all’interno del progetto Enhancing Italy’s civil society participation to international bodies’ decision making, realizzato dall’Unione forense per la tutela dei diritti umani con il contributo di Open Society Foundations, ed è frutto della collaborazione di otto associazioni particolarmente attive nel contrasto alle discriminazioni: Archivio delle Memorie Migranti, Articolo 3 – Osservatorio sulle discriminazioni, Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione, Associazione 21 Luglio, Associazione Carta di Roma, Borderline Sicilia Onlus, Lunaria, Unione forense per la tutela dei diritti umani.


« Ultima modifica: 30 Agosto, 2012, 06:42:56 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
Re:Rapporto al CERD per il "racist hate speech"
« Risposta #1 il: 30 Agosto, 2012, 09:54:29 am »
dimenticato:
Rare le sentenze di condanna in materia

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Re:Rapporto al CERD per il "racist hate speech"
« Risposta #2 il: 30 Agosto, 2012, 12:32:38 pm »
dimenticato:
Rare le sentenze di condanna in materia


1) "dimenticato"? perché ti risulta che ho riportato l'intero contenuto del pezzo che chiunque può leggere grazie al link?  ahahahah!

2) certo, rare le sentenze di condanna perché la legislazione italiana (specie grazie all'azione leghista-berlusconiana) non é altrettanto sacrosantamente severa e chiara di quella di altri paesi europei dove ad esempio il negazionismo é reato penale (da noi invece  ci sono impunemente  quelli che arrivano a difendere su ASSOCINA lo pseudodiritto di insegnare negazionismo all'università), dove non ci sono ministri che come quelli leghisti fanno del razzismo uno degli assi portanti del loro discorso, ecc. e rare anche per il motivo spiegato nel testo del link:
D’altra parte la promozione di cause contro i partiti politici o contro i giornalisti da parte delle organizzazioni di tutela richiede mezzi e capacità di relazione di cui non sempre queste dispongono 
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
Re:Rapporto al CERD per il "racist hate speech"
« Risposta #3 il: 30 Agosto, 2012, 13:03:52 pm »
dimenticato:
Rare le sentenze di condanna in materia


1) "dimenticato"? perché ti risulta che ho riportato l'intero contenuto del pezzo che chiunque può leggere grazie al link?  ahahahah!

2) certo, rare le sentenze di condanna perché la legislazione italiana (specie grazie all'azione leghista-berlusconiana) non é altrettanto sacrosantamente severa e chiara di quella di altri paesi europei dove ad esempio il negazionismo é reato penale (da noi invece  ci sono impunemente  quelli che arrivano a difendere su ASSOCINA lo pseudodiritto di insegnare negazionismo all'università), dove non ci sono ministri che come quelli leghisti fanno del razzismo uno degli assi portanti del loro discorso, ecc. e rare anche per il motivo spiegato nel testo del link:
D’altra parte la promozione di cause contro i partiti politici o contro i giornalisti da parte delle organizzazioni di tutela richiede mezzi e capacità di relazione di cui non sempre queste dispongono 

le sentenze se sono rare non sono nulle, quindi una legge c'è che permette di condannare l'eventuale razzismo, certo risulta impossibile condannare il razzismo quano è solo immaginato solo perchè "non si hanno capacità di relazione" forse sono un po' disadattati, leggere quel sito sembra di leggere asianews

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Re:Rapporto al CERD per il "racist hate speech"
« Risposta #4 il: 30 Agosto, 2012, 19:18:02 pm »
le sentenze se sono rare non sono nulle, quindi una legge c'è che permette di condannare l'eventuale razzismo, certo risulta impossibile condannare il razzismo quano è solo immaginato solo perchè "non si hanno capacità di relazione" forse sono un po' disadattati, leggere quel sito sembra di leggere asianews

doppia balla:
- le sentenze sono di più, sono meno rare quando ci sono più leggi che consentono di condannare certi reati, ad esempio negazionismo, razzismo, ecc.; tu fai finta di non capirlo o proprio non riesci a capirlo? scegli tu
- il tuo nuovo commento mistificatorio ovviamente non risponde alla seconda questione (che guarda caso tu non avevi citato: "dimenticanza"?) posta in quel link e che ho già copiato ma che per chi come te già fatica troppo a compitare i testi ricopio:
D’altra parte la promozione di cause contro i partiti politici o contro i giornalisti da parte delle organizzazioni di tutela richiede mezzi e capacità di relazione di cui non sempre queste dispongono 

continua a minimizzare il razzismo, continua a denigrare ("disadattati") chi lo combatte, continua ....
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)