Approfondimenti > Attualità

Integrazione

(1/10) > >>

ziner:
Ciao a tutti sono un utente nuovo di questo forum, leggendo i svariati articoli proposti nella home page, ho notato quello riguardante Paolo Hu, ma come pu? dire non mi sento cinese ma neanche italiano?! Scusate magari sono stupido io, ma penso in qualunque caso bisogna riconoscere la propria origine! Cinesi siamo e cinesi resteremo a vita! Non bisogna perdere il proprio bagaglio culturale per un'altra, al massimo tenerle tutte, ok per l'integrazione, più vissuto in Italia che in Cina ecc.  però così è come tradire il nostro paese, se tutti gli immigrati cinesi si comportasserò così faremo la figura del popolo voltagabbana e la Cina perderà la faccia! Dal mio piccolo, quando qualcuno dice che sono italiano ormai (perchè sono qui dall'87 quindi lo parlo come un italiano) rispondo sempre che sono cinese dentro e fuori, se parlo bene è perchè ho avuto la fortuna di studiare.

Scusate magari sarò nazionalista o altro ma la penso davvero così.
Saluti

Idra:
Credo che Paolo ha detto ci? per far capire che i cinesi della seconda generazione, in un certo senso, sono molto diversi come cultura, abitudini e vita, dai cinesi che vivono in cina e sono diversi anche dagli italiani.
Questo è qualcosa che molti di noi si sono accorti e che sentono di esprimerlo.

Se poi si è nazionalisti o no, sta ai singoli decidere, basta non estremizzare.

Feichow:
Hai ragione Ziner, io idem.

Però anche tra quelli che sn della seconda generazione vi sono differenze...io sn nato in Cina e cresciuto in italia da quando avevo 6 anni, poi ho studiato il ciense e da lì mi sn sentito molto più cinese.
Magari chi invece non ha più avuto contatti cn la madrepatria si sente solo italiano e basta.

Dovrebbero essere i genitori ad incoraggiare i propri figli ad avvicinarsi alla cultura d'origine, i figli nn hanno colpa.

tra l'altro..io sono della 1 e mezza generazione poichè nn sono nato qua. :)
ma esiste :S

cilex:
Per Ziner: e quelli che si definiscono cittadini del mondo??? come li definisci??? utopisti??? è che cosa che rende essere quello che non si è?? la cultura??? la cittadinanza?? origini...... che cosa intendi la faccia (allora in un certo modo conta la fisicità delle persone??)  io non saprei dirti; ma ad essere sincero; non esistono via d'uscita!!!
allora non sei italiano??? allora sei un gran cinese??? (e dire che non sai neanche come è fatto un cinese.......) I veri cinesi, non sono certo i contadini o gente che non ha contato in cina e viene in Italia e pensa di contare!!!
I veri cinesi sono quello che non sarai mai!!!

P.S: domandati anche questo anche la Cina stessa, è un insieme di culture (dal tibet, alla mongolia, al pakistan, all'india....ecc....) Fanno anche distinzione tra città e campagna o meglio tra campagna e campagna!!!

La domanda più ovvia è: a che razza di cinese appartieni???

Idra:
Ma tutto questo è così importante?
La nazionalità da un elemento indicativo, da un senso di unione, ma forse, non c'è bisogno di tutte queste distinzioni.

Siamo tutti uguali nella nostra grande diversità.

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa