"il Manifesto" contro il CAFTA - Attualità - Associna Forum

Autore Topic: "il Manifesto" contro il CAFTA  (Letto 1394 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

TianYian

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 720
    • Mostra profilo
"il Manifesto" contro il CAFTA
« il: 04 Luglio, 2010, 11:37:06 am »
giro, ho trovato questo articolo da "Il Manifesto" che attacca sonoramente il CAFTA, l'accordo di libero Scambio tra la Cina e i paesi dell'ASEAN

secondo loro, il fatto che la cina parli bene dell'CAFTA e "propaganda" e descrive il CAFTA come sfruttatore e colonialista, il giornalista Walden Bello, accusa la cina di sfruttare i paesi dell'ASEAN e di prendersi di tutte le risorse,

secondo Walden Bello, i paesi dell'ASEAN invece di giovare, verrebbero ancora più danneggiati, ( che cazzata!), sarebbe uno svantaggio per i paesi dell'ASEAN ( eh, si come no), parla dell'CAFTA come se facesse più danni che benefici...

http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/ ... zo/281867/

http://www.comedonchisciotte.org/site/m ... ic&t=26440

non mi aspettavo che un quotidiano di tradizione comunista come "il Manifesto" fosse così fortemente Sinofobo e AntiCinese.

cioè, se la germania crea l'unione Europea bene,tutto a posto, se invece la CIna crea una unione ASiatica si grida alla "propaganda" allo "Sfruttamento" all' "NeoColonialismo" :roll:
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da TianYian »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #1 il: 04 Luglio, 2010, 13:15:09 pm »
premesso che Walden Bello é un significativo economista di origine filippina (http://en.wikipedia.org/wiki/Walden_Bello), docente negli USA, che però ha sempre privilegiato una visione contraria ai patti regionali (contrariamente a molti altri economisti di sinistra), viste come cavalli di troia delle "egemonie" di Giappone e Cina, non devi stupirti TianYan di trovare posizioni anti-RPC su "Il manifesto" (accadde con ben minore spessore nel 2008 con prese di posizione apertamente filo-dalailama...)!


evidentemente conosci poco la posizione sinofoba (sia pure senza occultare i crimini imperialisti europei) di Marx  (naturalmente ignorata strategicamente da Mao e dal PCC... che peraltro sotto la sua guida fecero assolutamente il contrario di quanto ipotizzato da Marx, ossia una rivoluzione "socialista" in un Paese arretrato e con protagonisti principali i contadini!!!!) e le sue teorie sul rapporto fra "modo di produzione asiatico" e "dispotismo" (e sulla INEVITABILITA' ma anche UTILITA' che sia pur in forme da lui descritte come criminali, il colonialismo occidentale lo spazzasse via!!!!) che dovettero attendere Sweezy per essere definitivamente smontate (http://it.wikipedia.org/wiki/Paul_Sweezy):

http://www.marxists.org/archive/riazano ... /china.htm

www.cesme.it/.../index.phpòmod.../La%20 ... i%20Marx...
"Per Marx la penetrazione del capitalismo in società non capitaliste, dopo una prima brutale fase di sconvolgimenti e orrori, che egli non manca di condannare svelando l’ipocrita barbarie della Gran Bretagna che sempre si è vantata di aver portare la civiltà in Asia e nel mondo (ôil fardello dell’uomo biancoö di Kipling), è un processo necessario per consentire l’industrializzazione di quei paesi e la conseguente formazione di un proletariato moderno. Sappiamo che tale schema non sempre ha funzionato, specialmente quando è stato applicato in modo dogmatico, e che anzi proprio in Cina la grande rivoluzione comunista del 1949 guidata da Mao Zedong fu una rivoluzione prevalentemente contadina e non operaia. "

http://www.homolaicus.com/teorici/marx/colonialismo.htm

http://www.homolaicus.com/teorici/marx/stato_marx3.htm

se vuoi leggiti anche
http://www.ibs.it/code/9788856500011/ma ... ussia.html

Marx K., Sulla Cina, Jaca Book, Milano 1970.

inoltre é tipico di tanti Italiani  che furono acriticamente maoisti durante la Riv.Culturale  sputare sulla Cina di oggi per rifarsi una verginità, anche quando non sono passati direttamente a destra come Maroni, Brandirali (che fu segretario dell'Unione Italiana Marxisti Leninisti e ora é ciellino e pdl...) e magari si chiamano Annunziata, Santoro, ecc....

In Occidente il razzismo ed il filocolonialismo non sono affatto una prerogativa SOLO dei nazifascisti e delle destre (che ne sono certo hli alfieri più propri): ci sono decine di esempi in proposito (coerenti col ruolo ESSENZIALE che il razzismo ha, secondo Mosse, nella COSTITUZIONE STESSA dell'Occidente);  alcuni fra i tanti esempi:
- la propaganda razzista dei repubblicani spagnoli contro l'uso da parte dei franchisti di truppe coloniali marocchine;
- l'adesione per i primi anni del PCF alla guerra coloniale francese in Algeria (espellendo i militanti che la disertavano!);
- il comizio fatto da Togliatti a Trieste nella campagna elettorale del 1948 in cui accusò De Gasperi di aver "svenduro" le colonie italiane in Africa;
ecc.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

TianYian

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 720
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #2 il: 04 Luglio, 2010, 14:43:21 pm »
vorrei approfondire dicendo che il "CAFTA" è l'accordo di Libero scambio tra la cina e i paesi dell'ASEAN, chiamato anche "ASEAN Free Trade Area" ovvero un area di libero scambio e commercio tra la cina e gli stati Membri dell'ASEAN.

il primo passo per la creazione di una "Unione Asiatica" e di una unificazione politica e sociale dell'ASia, anche la Arroyo, la presidentessa delle filippine, esalta la creazione di una "Unione EUropea dell'Asia"

e puo portare allo sviluppo e alla prosperità della cina, dell'sud est asiatico e dell'Area Asia-Pacifico, come nuovo polo Economico,INdustriale, tecnologico mondiale...

ma questo pseudo-giornalista? no, giunge a gridare allo sfruttamento, all'saccheggio, all' "imperialismo sfruttatore cinese", e mostra i paesi dell'ASEAN come se fossero delle colonie cinesi o dei paesi sfruttati o sottomessi.

http://en.wikipedia.org/wiki/Chiang_Mai_Initiative

http://www.eurasia-rivista.org/4017/la- ... -orientale

allora dovremmo dire che la germania, che ha creato l'Unione Europea, schiavizza e opprime i paesi europei e ne sfrutta le risorse, che l'unione europea sarebbe stata creata per "Neocolonialismo tedesco?" se lo fa la germania o un paese europeo e "unione per la prosperità" se lo fa la cina, invece si grida all'Colonialismo o allo sfruttamento o alle diseguaglianze...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da TianYian »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #3 il: 04 Luglio, 2010, 14:53:27 pm »
TianTan sbagli di grosso; come ho scritto (guardati il link) Walden Bello non é un giornalista ma un economista filippino che lavora negli Usa, ed ha posizioni radicali antiglobalizzazione ed anti-tutti gli accordi regionali (a cui invece inneggiano economisti "di sinistra" anche assai più prestigiosi internazionalmente come Sen...!);

altro é invece il fatto che "Il Manifesto" non manchi (ad esempio a differenza del pur meno "di sinistra" LIMES) di usare argomentazioni di collaboratori  di vario genere per attaccare la Cina, ripeto forse perchè molti in una certa "sinistra" sperano di rifarsi la verginità sputando oggi sulla Cina dopo aver inneggiato alle Guardie Rosse....

io preferisco le analisi serie di LIMES...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

Gia_76

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 319
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #4 il: 05 Luglio, 2010, 10:39:24 am »
Il manifesto è più un quotidiano liberale che comunista, cmq l'essere anti-Cina è molto frequente anche tra i comunisti duri e puri dopo la parziale conversione cinese al capitalismo. In ogni caso il CAFTA farà bene all'Asia, e con la crisi prossima ventura si dovrà reinventare l'economia in tutto il mondo: il comunismo ovviamente non tornerà, perchè quell'esperienza è fallita, ma anche il liberismo finirà in modo piuttosto brusco e si apriranno possibilità di migliore umanità e giustizia. A quel punto credo che si guarderà la Cina in modo meno critico.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Gia_76 »

urngoc

  • Livello: Straniero / Laowai
  • **
  • Post: 33
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #5 il: 05 Luglio, 2010, 10:59:19 am »
essere anti-Cina è di moda
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da urngoc »

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #6 il: 05 Luglio, 2010, 14:47:18 pm »
ci sono tante mode che dovrebbero passare di moda :wink:
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da vascoexinhong »