Aree Tematiche > La mia vita in Cina

Tre mesi in Cina

<< < (21/24) > >>

Senbee:
A parte le scaracchiate (a cui ho fatto il callo già da anni) le altre cose non mi sono ancora accadute.

L'inferno peggiore finora è il dovere della colazione al mattino: io come ho scritto sono abituato a mangiare sì e no una brioscina e un bicchier d'acqua e un po' di caffè, alle 8. Qui ti buttano giù dal letto alle 6 per mangiare chili di zampette di gallina che grondano salsa, cipollotti e peperoncini, eccetera. Senz'acqua, senza alcun liquido se non un po' di congee bollente. Io non ce la faccio proprio. Le prime volte arrivavo a svegliarmi apposta alle 4, così dopo due ore avevo fame e sopportavo la "colazione". Adesso lo sanno, mi limito a mangiare un po' di pane e un bicchier d'acqua (che compro in bottiglia la sera prima) sotto lo sguardo incredulo. La nonna non lo capisce. Quando glielo raccontiamo è evidente che non ci crede, pensa che che io non apprezzi la sua cucina. È uno strazio :-) Oggi sono riuscito a mangiare due dumplings intinti in soia e aglio. Alle 7. Nonna era felice ma ho paura che me li faccia apposta d'ora in poi per tutte le mattine.

Altra cosa che non sopporto: l'uso del clacson e la prepotenza delle auto. Sei sulle strisce, hai il verde, passano veloce suonando e se non ti togli ti investono. Stronzi. Suonano così, per sport. Per dire che ci sono.
La settimana scorsa avevo appena comprato uno suo-na, quello strumenti simile a una trombetta che fa moooolto rumore e che mi piace studiare (ha origini mediorientali, o quello mediorentale è derivato da quello cinese, non so), esco dal negozio, e uno dietro a tre centimetri da me sul marciapiede con l'auto mi strombazza dietro per dire levati. Io sobbalzo, poi realizzo, vedo che il tizio ha il finestrino abbassato, e gli faccio un bel do di petto di suo-na dritto nell'orecchio. La gente ha riso. Il tizio un po' meno. Eccheccazzo.

Altra cosa insopportabile: il ragazzino mongolo. In realtà buonissimo e bravissimo. Ma figlio unico cinese quindi viziatissimo. Oggi nella campagna quasi tutti possono avere un'istruzione, ma perdono quell'essere "smart" che avevano i loro predecessori. E vengono coccolati all'inverosimile, in pratica i genitori seguono il piccolo per tutta la vita ed esaudiscono qualsiasi sua richiesta, qualunque essa sia, indiscriminatamente e senza protestare. Oggi sono tanti i bambini che  vengono su così in Cina.

14 anni, 97 chili, eccitatissimo di conoscere un occidentale, parente di non so chi, i suoi ci ospitano. Crede di sapere l'inglese, in realtà sa solo dire "yeah" e "let's go" che ripete ossessivamente cercando di fare il figo e spostandomi da dove sono. Ovunque sono. I genitori ci hanno affidati a lui perché "siamo giovani" (ma non ero un vecchiettooooo?) e perché lui conosce bene il posto.
Al mattino ci dice: domani sveglia alle 6 perché comincia il prestigioso festival mongolo.
Alle 5 e tre quarti irrompe nella stanza sorprendendo me e la mia ragazza in mutande e in mezzo a un sogno. D'ora in poi quello che è in italiano era in cinese poi tradotto dalla mia ragazza, in inglese è quello che cercava di dire in inglese davvero: "Presto! Dobbiamo partire! Ci aspettano fuori!!! Yeah yeah, let's go, let's go!" Non ci facciamo neanche la doccia, ci mettiamo su due pantaloni di fortuna, prendo la telecamera e usciamo con lui, che è già al piano terra impaziente e saltellante. Io credo che sia stato un problema di traduzione: non dovevamo svegliarci alle 6, ma essere pronti alle 6?
Ci aspetta e ci mostra la porta del ristorantino al piano di sotto: colazione! Ci ha svegliati perché AVEVA FAME! Si mangia almeno 10 baozi ripieni di maiale piccante, un litro di coca. Mangia un pezzo, poi mi infila in bocca il baozi dalla parte masticata dicendo "eat eat! Good!". Io che sto per sboccargli in faccia col getto mi limito a un canonico "bu yao xie xie" ma lui insiste e io non mollo. Così per un'ora. Non mi offre nemmeno un goccio di coca. Prendiamo il taxi e arriviamo in ritardo. Vediamo la manifestazione da lontanissimo ma non ci perdiamo nulla perché è la solita baracconata di regime. A loro piace. A me e a Xian piacciono invece i mongoli che guardano la baracconata, i cammelli, gli asini, i gauchos mongoli che fanno da service... Boh.

Il giorno dopo: "potete dormire fino alle 8". "Sicurissimi?" "Sì sì, abbiamo il taxi che passa alle 9, lo abbiamo già chiamato".
Alle 5 e tre quarti, regolare, entra ciccio in stanza con la delicatezza di un elefante e urlando "come on!!! Let's gooooo!!!" mi VOLA ADDOSSO. Io mi sveglio di soprassalto schiacciato dalla mole del ciccio, mi giro nel panico e me lo vedo a distanza che neanche la mia fidanzata che mi dice "let's goooooooooo!!!!". E dondola, per schiacciarmi meglio.
Non so neanche che ore sono. Chiedo di tradurmi "non è che deve solo mangiare?" ma la mia ragazza è troppo incazzata, si veste di fretta e scendiamo. Ristorantino! Tutti a mangiare!!!
Stessa storia del giorno prima, ma dopo un'ora sono le 7 e c'è ancora un'ora prima del taxi. Ma lui  balzella garrulo "let's go! let's go!" e ci trascina correndo verso il negozietto dei suoi, che ha appena aperto, e lì comincia a fare incetta di patate fritte e zampette sotto vuoto. Alcuni li apre e li mangia, altri li dà a noi come se ne fossimo consumatori accaniti. Sembra che neanche mastichi. Che nemmeno deglutisca. Sembra che accumuli il cibo nelle guance, come provviste per l'inverno.
Alle 8 finalmente arriva il taxi, lui sale, saliamo noi, salgono i genitori, sale un parente... Siamo troppi. Fanno scendere il ciccio ché tanto il posto l'ha già visto. Costernato, se ne torna nel negozietto. Lo vedo andando via con la macchina, che ci saluta con una mano, col sorriso triste, e nell'altra mano brandisce una zampa di gallina.

Il giorno dopo leggo su internet che il bello viene i giorni successivi, gare di cavallo, sport mongoli classici. Chiediamo che ci porti anche il giorno dopo. Lui: "sì ma dobbiamo svegliarci prestissimo, perché le gare di cavalli si fanno col fresco, alle due di notte". I genitori confermano. Va bene, mi punto la sveglia all'una di notte, mi preparo, mi faccio la doccia. Andiamo? Il ciccio sta dormendo. Lo svegliamo e lui: "no, è troppo presto. Alle 4." Anche i genitori confermano.
Alle 4 lo svegliamo. E lui: "è troppo tardi, i cavalli sono già passati". "Come fai a saperlo?" "Li ho sentiti". "Ma sono a 30 chilometri!". Risolino scemo. Lo prendiamo con la forza e lo portiamo giù. Arriviamo al festival. Deserto. Chiediamo a qualcuno. "Sì, le corse ci sono, ma normali, alle 8, alle 9..." Ormai erano le 6 quindi abbiamo fatto colazione lì. Buonissima, con epatite A compresa nel prezzo, che ti dà quel sapore che non ti sbagli. Alle 8 ancora niente. Intanto veniamo a sapere che le corse notturne esistono sì ma sono una tradizione diversa, si fanno da tutt'altra parte e non si vedono col pubblico perché si corre liberamente per le sconfinate steppe. E che sono state la sera prima quindi, no, i cavalli non li ha sentiti.
Alle 9 ancora niente. Comincia a far caldo ma arriva gente. Ormai è pieno e noi abbiamo la poltronissima.
Alle 11 finalmente l'annuncio. I cavalli sono in batteria, tutto sta per cominciare. All'improvviso sento della ciccia che struscia sulla mia schiena. È ciccio, che in perfetto inglese e con lo sguardo bastonato mi dice: "I want to go home..."
Io, con in faccia dipinta quell'espressione di calore umano tipica di Clint Eastwood quando alla richiesta "Pietà..!" da parte dell'assassino di sua figlia gli inietta la fiala di veleno nel collo dicendo "Ho finito la scorta", gli dico scandendo clinicamente le parole: "Surely... you can go with a taxi". E mi godo le gare, bellissime. Ogni volta che finisce un giro, neanche una gara, lui fa la faccia da "vabbè, è tutto finito" e mi si para davanti dicendo: "ok... let's go! Yeah! Yeah!". La mia espressione si irrigidisce. Sono a livelli di "Il cavaliere pallido". Non proferisco parola.
Così fino alle 14. Ho visto TUTTE le gare.

enteromorfa:
maledetto ciccio bastardo.. bel racconto comunque.
per le macchine a shenzhen è diverso? pensavo quello fosse uguale in tutta la cina. suonano il clacson anche se non c'è nessuno in strada e sono capacissimi di farsi un vialone contromano senza battere ciglio. In cina non hanno un codice della strada.. hanno delle linee di massima, poi ognuno fa un po' come viene..vale la legge del più grosso.

Senbee:
In centro a ShenZhen c'è proprio un'ordinanza che ti fa 25000yuan di multa e ti ritirano la patente se suoni senza motivo. Ultimamente però si sono molto diffuse quelle motorette elettriche che fanno quello che vogliono - a parte suonare - e fanno in continuazione dei contromano immotivati, passano costantemente col rosso, tagliano la strada, eccetera. Immagino che prima o poi faranno qualcosa per regolarle, ma per ora sono il terrore della città.
Il resto della Cina che ho visto è ai livelli che descrivi. Una viabilità peggiore l'ho vista solo al Cairo, a Napoli e a Città del Messico. C'è da dire che dopo un mesetto di clacson continui, il cervello si abitua e non si sentono più. Ma all'inizio c'è da farsi venire la nevrosi.

Un'altra cosa che non sopporto: la musica. Qui è come se in Italia fossero tutti come Gigi D'Alessio, tutti non conoscessero altro che cantanti tipo D'Alessio, e soprattutto è buio oscuro sulla musica internazionale. Nessuno ha mai sentito nemmeno nominare Beatles, Queen, Pink Floyd eccetera. Ho preso una chitarra in mano e ho cominciato a suonare un po' i Beatles. Il ciccio mi fa: "Non conosci una canzone cinese?" E io: "Tu conosci una canzone italiana?" :D
Poi andiamo in un karaoke e un altro ragazzino per farmi piacere mette su un pezzo in inglese, l'unico che conosce. Io lo ringrazio, vedo che va a esplorare la lista, et voila: Justin Bieber. Sono morto.

No, a parte gli scherzi: in qualche locale internazionale, tra i giovani che frequentano l'estero o che guardano Pearl per TV o che ascoltano il canale radio di Hong Kong di musica classica, i frequentatori di 798 a Pechino eccetera conoscono bene la musica internazionale e anzi la conoscono anche molto molto meglio della media italiota, conoscendo a fondo tutto il panorama underground e indie non solo inglese ma anche canadese, australiano, giapponese e pure cinese, che fuori dal mainstream ha cose meravigliose. Vi consiglio di ascoltare questo gruppo: Queen Sea Big Shark
Comxxpuda 后海大鲨鱼 Queen Sea Big Shark
Sono di Pechino, conosco il chitarrista. Per me sono superlativi. Mi ricordano le brasiliane CSS (che adoro), ma sono anche molto più punk quindi mi piacciono di più.
Rimane però il fatto che la media che si sente in giro è inaffrontabile, purtroppo molto peggio di quella italiana che credevo fosse la peggiore in assoluto. È complice anche CCTV che fa continui spettacoli di musica tradizionale in cui invece di fare la vera musica tradizionale (che adoro) piazza un cantante a duettare con una cantante una vecchia aria, li traveste da antichi, ma tutto il resto è punz punz elettronico ributtante e insopportabile. E chi ascolta, alle mie rimostranze non se ne accorge nemmeno: "ma no, è musica tradizionale! Voi non potete capire!" "Sì che la capisco, e la adoro, ma la musica tradizionale si fa con l'er-wu, con il suo-na, con i tamburi, con l'arpa cinese, non con la batteria elettronica Roland TR-808!". Un secondo di silenzio e poi: "no no, è tradizionale, vedi i vestiti?"

enteromorfa:
è vero, fuori da pechino e shanghai non mi pare conoscano molto la musica internazionale.. senza scendere in underground, spesso non conoscono neppure roba tipo queen,u2,elvis,bob marley, ecc.  solo musica pop cinese (che spesso è uno scimmiottamente dell'hiphop americano, anzi nemmeno, pure peggio.. con una tizia che canta e uno che ogni 3" dice "come on come on" check it out"..ecc.) e anche peggio, ascoltano l'oscena musica pop koreana che è sempre una scopiazzatura di quella occidentale, ma pure copiata peggio.. con l'aggravante che non capiscono una parola e la lingua coreana è veramente cacofonica.Curioso vedere come alcuni americani di origine cinese diventano famosi in cina (ma chiaramente non in america) con questi trojai.  Tanta musica viene da taiwan.
capovolgendo tutto a me alcune canzoni cinesi mi piacciono, li yu gan, o quella che canta ban mian zhuang..(non mi ricordo il nome).. però in sostanza vabbè... c'è anche da dire che il mio giudizio non conta una sega essendo io noto NON appassionato di musica..

p.s. tra i terroristi che vanno a giro con lo scooter elettrico ci sono anch'io.. :D

Senbee:
Di "robbabbuona" locale ce n'è, eh. Anche il solito Jay Chow ha fatto anche cose egregie, secondo me. Il rap vien bene in mandarino :-) Quelli che hai menzionato infatti mi piacciono anche.
Ma il mainstream medio che si sente ovunque è peggio del peggio di Sanremo. Come se tutti gli italiani conoscessero solo Pupo. :D

Per lo scooter, basta che non vai contromano e a me piacciono. Non inquinano, sono una figata :-) È quando vengono sul marciapiede e pretendono che ti sposti che li odio. Entrano persino nei ristoranti.

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa