Fumo e socialità nella cultura cinese (2) - Costume & Società - Associna Forum

Autore Topic: Fumo e socialità nella cultura cinese (2)  (Letto 1766 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

300

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.111
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Fumo e socialità nella cultura cinese (2)
« il: 08 Ottobre, 2011, 11:46:08 am »
Riapro perchè l'argomento sulle tradizioni legate al fumo mi interessa.
ASTENERSI PROVOCATORI

http://www.ilquotidianoitaliano.it/gall ... 6956.html/

Qui ripeto le mie domande:


allora, se ho capito bene, è una tradizione piuttosto recente, affermatasi durante il periodo maoista?

ma negli anni o secoli precedenti c'erano rituali simili che comportavano regalare tabacco (o altro) e fumare durante i matrimoni o tutto è iniziato proprio con l'introduzione e l'aumento del consumo di sigarette?
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da 300 »
Il mondo è un tiranno ma solo gli schiavi gli ubbidiscono

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #1 il: 08 Ottobre, 2011, 19:30:54 pm »
rispondo dato che hai riaperto il thread e  ribadisco che hai capito malissimo cose che altri avevano (inutilmente) spiegato e che riformuli domande a cui quindi si era già rfisposto:

1) "è una tradizione piuttosto recente, affermatasi durante il periodo maoista?"
1.a - non si é affatto affermata durante il periodo maoista; Mao era un grande fumatore di sigarette e quindi, come spiega marcowong, un testimonial del fumo, ma il fumo di sigarette era diffuso in Cina PRIMA del periodo maoista (ad esempio negli anni '30) specie in area urbana ed aveva già i suoi testimonials nei films che si producevano in Cina (specie nella grande metropoli di Shanghai) in quegli anni (come avevo già spiegato...);
1.b - quanto alla tradizione relativa all'uso delle sigarette nei riti matrimoniali cinesi, tantomeno é di epoca maoista ma esisteva già prima; certamente é "piuttosto recente" (ma non di epoca maoista...) nel senso che le sigarette (vedi punto 2) sono state inventate in Europa SOLO nel XIX secolo e introdotte in Cina solo alla metà dello stesso......


2) "negli anni o secoli precedenti c'erano rituali simili che comportavano regalare tabacco (o altro) e fumare durante i matrimoni o tutto è iniziato proprio con l'introduzione e l'aumento del consumo di sigarette"

qui si fa una palese confusione multipla...
2.a - fra tabacco e sigarette: il tabacco giunge in Europa dal CentroAmerica neol XVI secolo ed in Cina nel XVII ma le sigarette sono inventate in Europa solo nel XIX secolo e giungono in Cina solo a metà dello stesso;
2.b - fra introduzione ed aumento del consumo di sigarette, che ovviamente sono cose totalmente diverse;
2.c - fra consumare e regalare tabacco o sigarette, che, fermo restando quanto detto circa la confusione del punto 2.a, rappresentano due azioni del tutto diverse e con diverso significato:
- fumare (qualsiasi sostanza, tabacco o altro) o accendere (incensi, candele, ecc,) é azione rituale propiziatoria;
- regalare (tabacco, sigarette o altro) é azione di dono rituale: la differenza é immensa come senso e significato a prescindere dall'oggetto stesso!
2.d - azioni rituali di omaggio, di dono e soprattutto propiziatorie sono collegate per definizione a TUTTI i riti, inclusi quelli matrimoniali, in TUTTE le società umane di TUTTE le epoche; in particolare, in Cina esistevano da numerosi secoli (millenni) azioni rituali propiziatorie di accensione di incensi in occasione dei matrimoni, che sono state in parte la radice di quelle relative all'uso delle sigarette;
2.e - simili sostituzioni dell'uso della sigaretta (o in altri casi del sigaro, che é più antico della sigaretta e non inventato in Europa ma...in Centroamerica...) a quello di altre sostanze da trasformare in fumo attraverso la combustione in rapporto coi rituali matrimoniali (ma anche con quelli funebri, a volte) si trovano in Turchia, a Cuba, in Brasile, in Grecia, in Sicilia, fra gli autoctoni delle Pianure nordamericane, in Indonesia, ecc.

questo per uscire definitivamente dalle confusioni ed evitare ulteriori ripetizioni di domande a cui si era già risposto....
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

300

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.111
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #2 il: 09 Ottobre, 2011, 20:51:16 pm »
Lo vedi che quando ti calmi va meglio? oh!

Faccio ancora domande perchè le utili risposte fornite aiutano solo a circoscrivere il bersaglio, ma non ancora a centrarlo.
Ora visto che l'argomento si è rivelato alquanto complesso non pretendo che voi riusciate in breve a soddisfare tutte le mie curiosità, per questo è utile che il thread resti aperto a futuri interventi chiarificatori.
Anche io farò delle ricerche in proposito, tempo permettendo.

grazie
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da 300 »
Il mondo è un tiranno ma solo gli schiavi gli ubbidiscono

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #3 il: 10 Ottobre, 2011, 12:30:32 pm »
prova:
- a rileggere pòiù volte le rispostte se non le capisci,, prima di dire che non centrano il bersaglio;
- a fare meglio le domande evitando le svariate confusioni (tabacco/sigarette, introduzione/aumento del consumo, significato rituale diconsumare/regalare  ecc.) e i riferimenti impropri al periodo maoista che esse contengono

e vedrai che le risposte sono più che esaustive, salvo per una tesi di etnografia sui riti matrimoniali in Cina......che non mi pare sia il tuo caso....
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #4 il: 10 Ottobre, 2011, 21:26:24 pm »
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da vascoexinhong »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #5 il: 11 Ottobre, 2011, 08:16:02 am »
articolo che naturalmente non dice una sola parola né su quando le sigarette siano state introdotte (dall'Occidente....) in Cina (fine del XIX secolo), né quando si siano cominciate ad affermare come status symbol e a diffondere a partire dall'ambito urbano (primi decenni del XX secolo, assai prima della Rivoluzione....), né tantomeno il rapporto riuale fra l'offerta delle sigarette (anche nei matrimoni) e pratiche relative alle offerte di incensi che datano da millenni prima che la sigaretta comparisse in Cina e addirittura che venisse inventata in Europa..........
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #6 il: 11 Ottobre, 2011, 09:24:54 am »
in effetti.... bisogna saper leggere per leggere
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da vascoexinhong »

300

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.111
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #7 il: 11 Ottobre, 2011, 09:58:45 am »
Citazione da: "vascoexinhong"
leggi questa 300
http://china-files.com/it/link/8821/vuo ... il-tabacco

grazie vacco, l'articolo è molto interessante, soprattutto su questo punto
Citazione
Il controllo del fumo in Cina deve fronteggiare una serie di comportamenti fortemente radicati nella società cinese, dove il rito della sigaretta accompagna una serie di relazioni sociali tutt’altro che disdicevoli. E’ buona educazione infatti, quando si conosce una persona nuova o durante un incontro di lavoro, mettere a suo agio l’interlocutore offrendogli una sigaretta. In molti casi si arriva addirittura a tenere due pacchetti di sigarette: uno di qualità inferiore, per uso personale, ed uno rinomato e costoso, da offrire tenendo in bella vista il marchio, una sorta di biglietto da visita aggiuntivo.

Anche nei cenoni di matrimonio, solitamente, davanti ad ogni posto assegnato al ristorante si trovano offerti dalla coppia di sposi o da chi per loro una bottiglietta di baijiu (grappa di riso) ed un pacchetto di sigarette di marca Xi û letteralmente doppia felicità, come i novelli sposi - mentre ancora oggi, nonostante le varie leggi promosse in merito, è socialmente accettato fumare al ristorante ed in taxi. La resistenza opposta dai camerieri o dai tassisti prima di accordare il via libera tabagista è pressoché nulla.


è incredibile constatare quanto le sigarette siano entrate a far parte del costume cinese, persino come biglietto da visita o negli incontri di lavoro  :smt033
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da 300 »
Il mondo è un tiranno ma solo gli schiavi gli ubbidiscono

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #8 il: 11 Ottobre, 2011, 11:46:33 am »
300 scrive:
"è incredibile constatare quanto le sigarette siano entrate a far parte del costume cinese, persino come biglietto da visita o negli incontri di lavoro"

forse distratto dai riferimenti parziali e fuorvianti alle abitudini di Mao, non sa che:
- la STESSA abitudine era presente fino alla svolta anti-fumo degli anni '90 negli USA, in Francia, in Germania, in Italia meridionale, in Giappone, ecc. ed é presente in Russia, Turchia, Egitto, Colombia, Ghana, Benin, Senegal,  Venezuela, Brasile, ecc., a ripriova che non é  affatto "incredibile", non é"tipicamente cionese" e col maoismo non c'entra una cippa;
- tutte le società che hanno conosciuto in epoche diverse il tabacco (quelle centroamericane dove é stato per la prima volta usato, proprioo a scopo rituale, poi quelle occidentali secoli dopo e infine quelle asiatiche, africane, ecc. dove LO HANNO PORTATO TARDIVAMENTE GLI OCCIDENTALI) ne hanno fatto uso rituale sia come dono che come atto propiziatorio: altro che "incredibile"!
- tutte le società umane di ogni epoca hanno usato ritualmente sostanze da bruciare sia come offerta sacra, sia come offerta onorifica, sia come simbolo di status, sia come consumo, sia come atto propiziatorio: mirra, incenso (quelli dei Re magi....), oppio, canapa, ecc, e quindi l'uso del tabacco in tal senso fa parte di una panoplia di strumenti immensa che caratterizza TUTTE le società umane (greca e romana comprese, che ovviamente non conoscevano il tabacco.....a differenza dei Maya e degli aztechi.....)


"incredibile", vero???????????????????????????????????????

per chi non legge certamente sì....
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #9 il: 11 Ottobre, 2011, 12:45:16 pm »
incredibile per chi non è mai stato in cina negli ultimi 30 anni.... :-D
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da vascoexinhong »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #10 il: 11 Ottobre, 2011, 13:00:54 pm »
vasco, guarda che:
- "incredibile" lo ha usato 300, io ho solo sottolineato con esempi che non c'é NULLA di incredibile nella questione sigarette/rituali matrimoniali in Cina, ma solo tanta confusione nei posts di taluni utenti...
- ritenere che quella pratica si possa osservare SOLO viaggiando in Cina é, questa sì, dimostrazione di IGNORANZA INCREDIBILE, data la sua megadiffusione a scala planetaria...;
- ritenere che la conoscenza di una pratica si possa ottenere solo coi viaggetti (magari compiuti grondando pregiudizi ed ignoranza...) e non da letture serie (sempre che si sappia leggere...) é altrettanto INCREDIBILE....
- chissà come farebbero i poveri illusi dell'azione taumaturgica di certi viaggetti a conoscere e studiare (ammesso che intendano conoscere e studiare: ne dubito...) pratiche (riguardanti il tabacco o qualsiasi altra cosa) delle epoche passate, non potendo purtroppo fare...viaggi nel tempo?????
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)