Report: il made in Italy fatto dai cinesi - Foto & Video - Associna Forum

Autore Topic: Report: il made in Italy fatto dai cinesi  (Letto 1340 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Alessandro

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 2.340
    • Mostra profilo
Report: il made in Italy fatto dai cinesi
« il: 05 Dicembre, 2007, 13:38:55 pm »
Il 2 dicembre è andato in onda su rai 3 un servizio sul made in Italy di lusso (Prada, D&G, Fendi...) prodotto dai cinesi (zona Firenze-Prato) a prezzi stracciati.

Qui è disponibile il servizio intero.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Alessandro »

VampireMiyu

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.093
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #1 il: 06 Dicembre, 2007, 12:43:42 pm »
è l'ennesima bravata contro i cinesi, son talmente stufa che ci sia gente così ignorante in questo mondo che mi :evil: ... vabbe'... che rabbia...
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da VampireMiyu »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #2 il: 06 Dicembre, 2007, 13:07:19 pm »
in realtà, se hai visto il servizio, avrai notato che per la prima volta, invece, si spiegano cose importanti:
1) che lo sfruttamento del lavoro nero dei cinesi é funzionale alla produzione delle grandi ditte italiane;
2) che i committenti sono quelle grandi ditte con marchi celebri italiane e che tali ditte vendono a prezzi inauditi prodotti pagati alle ditte cinesi in Italia pochi euro (es.: una borsa pagata 26 e venduta a 440!) e che si sa benissimo possono esere mantenuti così bassi solo col supersfruttamento, per cui, ispezioni o no (e fatte più sulla qualità del prootto che su quella del lavoro) i committenti sono i principali beneficiari e responsabili delle irregolarità;
3) che molta produzione cinese in Italia non é di "falsi" ma di prodotti su incarico delle grandi ditte e che quindi...di falso c'é il prezzo a cui tali ditte italiane vendono nelle boutiques quel che i Cinesi in Italia producono a prezzi da bancarella;
4) che i principali falsificatori sono i committenti italiani che fanno mettere "made in Italy" su prodotti al 70% fatti in Cina, usando le ambiguità delle leggi italiane.

Certo il servizio era comunque carente perché REPORT non pu? varcare troppi confini (di denunce ne ha avute abbastanza); ad esempio non parlava delle forniture e subforniture a quelle stesse ditte italiane da produttori cinesi in Cina, in India,  in Vietnam, ma anche e soprattutto (io li ho visti personalmente) in Bangladesh, a costi ancor più ridotti e con condizioni di lavoro semischiaviste, non diceva che sono le ditte straniere (anche italiane) che si sono duramente opposte alla nuova legislazione sul lavoro cinese che migliora le condizioni salariali e di lavoro nelle fabbriche di quel Paese e non diceva che anche l'ideazione dei modelli NON E' PIU' fatta principalmente in Italia ma realizzata dai "creativi" Italiani solo a livello di abbozzo iniziale e controllo finale e fatta in India e altrove (e questa sarebbe la creatività italica?) a costi basissimi da diplomati e laureati locali, il che mostra che i prezzi dei prodotti nei negozi italiani non sono iustificati neppure dai costi di "ricerca ed ideazione".

Comunque, meno falso di molti altri servizi TV....
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)