Notizie senza Tempi: - Attualità - Associna Forum

Autore Topic: Notizie senza Tempi:  (Letto 1087 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

cilex

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 4.468
    • Mostra profilo
Notizie senza Tempi:
« il: 09 Luglio, 2005, 15:02:36 pm »
Tratto da Villaggioterra.org

Impressioni di una turista occidentale Febbraio 2000


Il mio ultimo viaggio nel Tibet, a Lhasa, è stato quest'anno nel periodo del Losar (Capodanno tibetano ndt). Di solito questo è un momento di festa con i miei amici tibetani, ma quest'anno è stato pieno di profonda tristezza.
Mentre guidavamo verso Lhasa dall'aeroporto, potevo già notare i numerosi cambiamenti dall'ultima volta, un anno prima. Sembra sempre più una città cinese. La mia tristezza è divenuta più profonda nel constatare quanto sono aumentati i mendicanti tibetani. Passeggiando per le strade di Lhasa, ho visto le case piene di prostitute tibetane. Mi piangeva il cuore per loro, perché sapevo bene che la maggior parte delle donne ha scelto questo modo di vivere come ultima risorsa, questa sembra essere la loro unica via d'uscita.
Un giorno mentre stavo camminando vicino al tempio di Jokhang, ho assistito all'inizio di una rissa tra due uomini e una donna, tutti e tre tibetani. Gli uomini tenevano la donna al suolo dandole pugni e calci. Sono accorso in mezzo a loro per fermare questo abuso, ma la polizia cinese si stava avvicinando e me ne sono dovuto andare.
Le donne devono continuare ad organizzarsi persino all'interno del Tibet occupato. Permettere che le donne siano comprate e vendute dagli uomini, siano essi cinesi o tibetani, deve cessare Le alternative economiche sono possibili se le donne si uniscono per aiutarsi a vicenda nella battaglia.
Il morale è basso, persino tra quelli che hanno sofferto in prigione per anni ed ora vivono fuori. Molti di loro sono stati sedotti dal materialismo cinese. Vivere una vita confortevole sta rapidamente diventato più importante del ricordare torture e abusi ricevuti in prigione. Prigioni come Drapchi sono solo ad un lancio di pietra eppure molti tibetani scelgono di guardare dall'altro lato. Molte voci gridano " Pace, pace.......", quando non c'è alcuna pace. E' solamente un'illusione, una falsa pace proclamata da loro.
Fonte - Rapporto 2001 rivista "Dolma" - Associazione donne tibetane ( TWA).
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cilex »
Non lasciatevi scoraggiare da coloro che delusi dalla vita, sono diventati sordi ai desideri più profondi ed autentici del loro Cuore!!!

Giovanni Paolo II 16.X.1978 - 2.IV.2005