John Elkann ai giovani: “Studiare di più arricchisce la busta paga”..... - Sfoghi - Associna Forum

Autore Topic: John Elkann ai giovani: “Studiare di più arricchisce la busta paga”.....  (Letto 2332 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Sun_Tzu

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 193
    • Mostra profilo
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/13/elkann-ai-giovani-studiare-di-piu-arricchisce-busta-paga/351874/

.....Ma anche NO!......

Quanti laureati con 110 e lode disoccupati ci sono?!?!?!? E quanti si ritrovano a fare lavoretti in cui si guadagna poco o in cui non si viene pagati affatto (ad esempio i mitici call center?

Mi farebbe piacere sapere che ne pensate Voi di quello che hanno detto e della mia riflessione.

vasco reds

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 12.160
  • Sesso: Maschio
  • vasco rossi andrologo, psicoterapeuta
    • Mostra profilo
Re:John Elkann ai giovani: “Studiare di più arricchisce la busta paga”.....
« Risposta #1 il: 15 Settembre, 2012, 09:42:56 am »
C'e gente che con 2 lauree non sa cosa fare....

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
Re:John Elkann ai giovani: “Studiare di più arricchisce la busta paga”.....
« Risposta #2 il: 15 Settembre, 2012, 13:14:08 pm »
certamente, nonostante l'ironia penosa di chi come vasco si conferma del tutto estraneo in ogni suo post a qualsiasi forma di studio e di cultura che non sia il "corsetto-truffa" (definito così da lui!) che i suoi amiconi delle pseudo-organizzazioni "prenditoriali" gonfie di evasori simil-Billé, lo studio serve eccome, innanzi tutto a capire il Mondo e a non farsi incantare dai pagliacci come Elkann (o come il marchionne le cui sconcezze maggiordomi come vasco difendono da anni su questo forum...

solo un pagliaccio come Elkann può straparlare di busta paga mentre partecipa assieme a marchionne a distruggere la FIAT e quindi a creare le condizioni per ridurre ancora (attraverso nuove chiusure di fabbriche da aggiungere a quelle già avvenute con la loro infame gestione, a partire da Termini Imerese...)  le possibilità per tanti operai (ma anche tecnici ed ingegneri, tanto per parlare di diplomi e lauree...) FIAT e dell'indotto di averla davvero una "busta paga", oggetto del tutto estraneo a lui, come a tanti lacché infami di questi pagliacci che, mentre distruggono fabbriche e posti di lavoro, si fanno pagare 3,3 MILIONI DI EURO l'anno!

John Elkann ai giovani: “Studiare di più arricchisce la busta paga”
Dalla copertina di Panorama, il presidente della Fiat, 3,299 milioni di retribuzione nel 2011,


sono 4 i veri nemici di ogni incremento delle retribuzioni e dell'occupazione:
- i farabutti come Marchionne ed Elkann ed i loro servi di ogni livello:
- i nemici e denigratori dello studio e della cultura e dei necessari investimenti in questi settori, i criminali che tagliano i fondi per ricerca, università, diritto allo studio, teatri, lirica, musei, fondazioni culturali, promozione e tutela del patrimonio culturale, per lasciare spazio solo alle logiche del peggiore mercato selvaggio e di chi, come tanti pseudoimprenditori italioti (Marchionne in testa, ma non solo) fanno finta che per aumentare produttività e vendite si debbano tagliare diritti dei lavoratori e non investire in ricerca e innovazione;
- gli schifosi evasori che grondano da categorie din pseudoimprenditori, pseudocommercianti, pseudogestori di strutture ricettive, pseudoprofessionisti ed i loro padrini politici di centrodestra che li coccolano con condoni, scudi fiscali, esaltazioni propagandistiche del "diritto" di evasione fiscale e simili e che fra l'altro sottraggono soldi ai sopracitati indispensabili investimenti;
- i fabbricatori e diffusori di menzogne, soprattutto in campo storico, che contribuiscono così a giustificare e sostenere il peggio del peggio (dal razzismo al colonialismo, dal fascismo al filonazismo, dal negazionismo alla xenofobia, ecc.), oltre che a denigrare il valore formativo essenziale dello studio, della cultura e della storia, che fu chiaro a Italiani di ben maggiore livello di pagliacci come Elkann (Croce, Gramsci, Gobetti, Curiel, Pasolini, Di Vittorio, Pavese, La Pira, Don Milani, Eduardo De Filippo,  Villari, De Mauro, ecc.), Italiani che, essi sì e non il clown John, avevano il diritto di esortare a studiare
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)