che fareste a gente del genere? - page 1 - Attualità - Associna Forum

Autore Topic: che fareste a gente del genere?  (Letto 3360 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

goldendragon

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 1.997
    • Mostra profilo
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da goldendragon »

marcowong

  • Socio di Associna
  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *
  • Post: 2.010
    • Mostra profilo
    • http://www.marcowong.it
(Nessun oggetto)
« Risposta #1 il: 03 Dicembre, 2007, 11:48:43 am »
spero che siano condannati alla pena più alta prevista dal codice.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da marcowong »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #2 il: 03 Dicembre, 2007, 11:57:59 am »
premetto che sono contro la pena di morte, che non é né efdficace (vedesi tasso di criminalità negli USA), né rieducativa, io per alcune classi d deliti particolarmente gravi (e specifico che per me lo sono innanzi tutto: crimini di guerra e genocidi, agressioni militari, industrializzazione della pedofilia, riduzione in schiavitù (e sequestri di persona a tale scopo), terrorismo (cosa diversa dalla resistenza armata), inquinamento con sostanze tossiche, crimini mafiosi,  narcotraffico internazionale, stupro, omicidio, atti di razzismo e di omofobia) credo non serva la detenzione per lunghissimi periodi ma la "rieducazione attraverso il lavoro" (con tempi che consentano il ritorno nella società), anche se so perfettamente che verrò subito classificato come un  propugnatore del sistema dei lao gai.

Nessuna vendetta (quale la pena di morte é), nessuna tortura, nessuna mutilazione, nessuna detenzione per decenni senza far niente, ma un certo, congruo, numero di anni ad imparare attraverso il lavoro duro i valori della convivenza, della vita, del rispetto e liberazione solo se si dimostra di averli appresi davvero.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

ShaoYan

  • Socio di Associna
  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • *
  • Post: 1.694
    • Mostra profilo
    • http://qiyan09.wordpress.com/
(Nessun oggetto)
« Risposta #3 il: 03 Dicembre, 2007, 18:05:31 pm »
Citazione da: "cavallo"
premetto che sono contro la pena di morte, che non é né efdficace (vedesi tasso di criminalità negli USA), né rieducativa, io per alcune classi d deliti particolarmente gravi (e specifico che per me lo sono innanzi tutto: crimini di guerra e genocidi, agressioni militari, industrializzazione della pedofilia, riduzione in schiavitù (e sequestri di persona a tale scopo), terrorismo (cosa diversa dalla resistenza armata), inquinamento con sostanze tossiche, crimini mafiosi,  narcotraffico internazionale, stupro, omicidio, atti di razzismo e di omofobia) credo non serva la detenzione per lunghissimi periodi ma la "rieducazione attraverso il lavoro" (con tempi che consentano il ritorno nella società), anche se so perfettamente che verrò subito classificato come un  propugnatore del sistema dei lao gai.

Nessuna vendetta (quale la pena di morte é), nessuna tortura, nessuna mutilazione, nessuna detenzione per decenni senza far niente, ma un certo, congruo, numero di anni ad imparare attraverso il lavoro duro i valori della convivenza, della vita, del rispetto e liberazione solo se si dimostra di averli appresi davvero.


Non credo che Marco voglia dire la pena capitale, ma si riferiva alla pena più alta prevista dal codice.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da ShaoYan »

Alexia

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.275
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #4 il: 03 Dicembre, 2007, 19:35:33 pm »
Quindi, questo vuole dire che la mafia cinese esiste in Italia!
Che vuoi credere o no!
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Alexia »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #5 il: 03 Dicembre, 2007, 21:01:37 pm »
non escludo che terminali di organizzazioni criminali cinesi (di tipo mafioso o che per comodità assimiliamo ad esso) agiscano anche in Italia, magari anche in rapporto con le mafie (quelle indiscutibilmente presenti) italiana, russa, ecc. .
Però perfino l'articolo parla (senza peraltro alcuna prova documentaria: le indagini non credo siano già esaurite) di "probabili azioni di stampo mafioso all'interno della comunità orientale".
In efetti, i sequestri di persiona inItalia sono stati realizzati, invece, in genere sia da organizzazioni di stampo mafioso ('ndrangheta in testa), sia da bande (italiane, ad esempio sarde, romane, ecc., e straniere, ad esempio balcaniche) certamente organizzate (un sequestro necessita di organizzazione) ma non collegate ad alcuna mafia, italica o straniera.

Quanto alla pena di morte, so bene che marcowong non intendeva quella  e che sa che in Italia la massima pena é l'ergastolo; io non stavo criticando quel che lui scrive ma solo esprimendo la mia risposta a "che fareste loro?", escludendo appunto la pena di morte che in questi casi é molto comodo e popolare invocare.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #6 il: 04 Dicembre, 2007, 10:14:14 am »
avte notato che in 24 ore l'attribuzione data per evidente all'inizio ale "mafie cinesi" del sequestro é sparita e che ora si parla di 3 delinquenti cinesi arrestati senza citare alcuna "organizzazione mafiosa"?

http://www.instablog.org/ultime/9142.html

Da ridere é il solito "Il Giornale", che mescola mezze verità a trucchi mediatici.
Così afferma nel suo articolo (http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=225139) che: "? ancora troppo presto però per capire se la loro posizione pu? essere o meno ricondotta a organizzazioni criminali cinesi ½strutturate? operanti in Italia", si citano i "sequestri lampo per estorsione" che in Italia sono una specialità di gruppi delinquenziali NON AFFILIATI (di norma) ad alcuna mafia, italica o straniera, il che non esclude ovviamente una "carriera" futura  di specifici criminali che li compiono in organizzazioni mafiose che li reclutano in carcere, dato che é uno dei crinmini che ha maggiore percentuale di arresti.

Inoltre "Il Giornale" correda il pezzo con un titolo che, contrariamente a quelli di tutti gli altri media (che sottolineano che anche la vittima é cinese: "ragazza cinese di 14 anni sequestrata"), attribuisce il termine CINESI (generico, sostantivo e non aggettivo, esattamente come fece Forza Nuova con il caso della donna di Roma ammazzata da UN ROM che venne presentato come AMMAZZATA DAI ROM IN GENERE!)  solo ai sequestratori, parlando invece altrettanto genericamente di una 14enne come vittima:

titolo dell'articolo: "Liberata 14enne rapita dai cinesi "....
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

federep

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 260
    • Mostra profilo
non mi pare che il Giornale sia così anticinese questa volta
« Risposta #7 il: 04 Dicembre, 2007, 13:59:07 pm »
Cavallo, a me non sembra che il giornale sia così di sinofobo "questa" volta...

Nelle prime righe dell'articolo (la terza) fa riferimento al fatto che la ragazza sia cinese solo che lo scrive nella frase relativa successiva: "il sequestro della ragazza di 14 anni, figlia di un imprenditore cinese" Lo fa per non ripetere due volte l'aggettivo cinese....tutti hanno capito che la figlia di un signore cinese sarà cinese e non di altra nazionalità (a parte casi rarissimi).... E poi non capisco, se era italiana la vittima cambiava qualcosa? Era più grave il reato? E' meglio che gli italiani non inizino a fare distinzioni o classificazioni anche sulle vittime (dato che se ne fanno già troppe sui criminali). E poi sono tutti obbligati a scrivere "ragazza cinese rapita da connazionali"? Poi finisce che si parla di articoli "concordati a tavolino" come nel caso Rai-Mediaset...

Se Tu pensi che omettano l'aggettivo cinese dal titolo (riferendolo invece solo ai criminali) per infervorare di più l'odio delle persone italiane contro i cinesi (facendoli passare come rapitori di ragazzine italiane) mi sembra un ragionamento molto estremo dato che nell'articolo sono stati abbastanza precisi...inoltre, se ci pensiamo bene, un lettore che fa distinzioni o comunque da' meno importanza ad un reato (o ad una organizzazione a delinquere) a seconda che le sue vittime siano italiane o straniere, è già di persè "contaminato" da pregiudizi razzisti che di sicuro non possono venire mitigati o eliminati solo dai titoli degli articoli di giornale ma necessitano di procedimenti di più ampia portata...
Ti invito comunque a scrivere una lettera (o mail) alla redazione del Giornale e se non ottieni nessuna risposta di consultare l'Ordine dei Giornalisti della Lombardia (che generalmente sono abbastanza attenti ad evitare istigazioni all'odio da parte dei giornali)


La parte finale dell'articolo prende spunto (così si evince) dalle dichiarazioni fatte dai carabinieri (che parlano di "preparati esperti", anche se io li ritengo poco preparati visto che si sono fatti arrestare in meno di 24 ore dalla denuncia! E quindi sono poco propenso a parlare di "mafia cinese", dato che la mafia vera fa altro genere di affari, meno rischiosi e più redditizi....)

comunque riporto per intero l'articolo per sciogliere a tutti ogni eventuale dubbio possa sorgere (non so pero se la versione cartacea sia differente):

LIBERATA 14ENNE RAPITA DA CINESI
 Rientrerebbe nella casistica dei sequestri lampo operati dalla criminalità cinese ai danni di connazionali facoltosi il sequestro della ragazza di 14 anni, figlia di un imprenditore cinese attivo da anni nella zona di Vedalago (Treviso), sequestrata il 27 novembre e liberata domenica sera - dopo 5 giorni - grazie a un blitz dei carabinieri di Treviso in un appartamento di viale Brenta (zona corso Lodi), dove la ragazza veniva tenuta prigioniera. Ne sono convinti gli stessi investigatori che, fin dai primi momenti, dopo che la famiglia della giovane aveva presentato una denuncia ai carabinieri di Castelfranco Veneto (Treviso), hanno indirizzato le indagini soprattutto nell’ambito della criminalità cinese, arrivando ai tre autori del sequestro, ora in manette: Yong Yang e Hu Cong Po, entrambi 27enni, insieme a Pang Wen Yao, di due anni più vecchio.
La famiglia della 14enne, il cui padre è titolare di una azienda di involucri di carta, aveva ricevuto una telefonata con una richiesta per la liberazione di 500mila euro. Dopo due giorni dalla scomparsa della ragazza e dalla telefonata i congiunti avevano presentato una denuncia ai carabinieri, nonostante avessero ricevuto l’indicazione di non parlarne con nessuno.
La ragazzina era stata prelevata mentre si recava a scuola e poi condotta in auto a Milano. Nell’appartamento di viale Brenta era tenuta stesa su un letto, con le mani e i piedi legati e con gli occhi e la bocca chiusi da nastro adesivo. Veniva nutrita con merendine e acqua.
La sensazione tra i carabinieri della città veneta che hanno condotto l’indagine e arrestato i tre responsabili è che questi cinesi siano ½preparati esperti? sul piano criminale, che abbiano condotto il rapimento senza tralasciare nulla e convinti di poter fare leva sulla paura della famiglia. ? ancora troppo presto però per capire se la loro posizione pu? essere o meno ricondotta a organizzazioni criminali cinesi ½strutturate? operanti in Italia, specie nell’area tra Lombardia ed Emilia Romagna.
½Li abbiamo presi da qualche ora - dice il colonnello Paolo Nardone, comandante provinciale di Treviso - e non ci stanno certo dando una mano?.
 A indicare che i tre comunque sapevano il fatto loro anche la circostanza che nel corso della telefonate fatte al padre o alla madre della ragazzina, usando dei cellulari, non hanno ½mai fatto sconti? sulla richiesta di 500mila euro.
I rapitori, secondo una delle ipotesi di lavoro ancora al vaglio, potrebbero aver compiuto una sorta di ½indagine? sullo stato patrimoniale della famiglia cinese poi presa di mira. Indagini sono in corso, poi, per stabilire se ci sono o meno altre persone coinvolte nell’attività criminale.

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=225139&START=0&2col=
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da federep »

marcowong

  • Socio di Associna
  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *
  • Post: 2.010
    • Mostra profilo
    • http://www.marcowong.it
Re: non mi pare che il Giornale sia così anticinese questa v
« Risposta #8 il: 04 Dicembre, 2007, 14:54:06 pm »
Citazione da: "federep"
... Se Tu pensi che omettano l'aggettivo cinese dal titolo (riferendolo invece solo ai criminali) per infervorare di più l'odio delle persone italiane contro i cinesi (facendoli passare come rapitori di ragazzine italiane) mi sembra un ragionamento molto estremo dato che nell'articolo sono stati abbastanza precisi...


federep il punto è proprio il titolo dell'articolo rispetto all'articolo stesso. Il titolo viene scritto dal giornalista mentre il titolo dalla redazione. Il titolo è quello che dà il primo impatto e sul quale si imposta la linea editoriale, in quanto si sa che il lettore medio scorre i titoli ma non legge tutti gli articoli corrispondenti.
E poi influenzare un articolo è più lungo e meno efficace che cercare di influenzare un breve titolo.
Inoltre poi spesso il giornalista è un free lance, mentre la redazione è normalmente composta da dipendenti della testata.
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da marcowong »

cavallo

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 14.723
  • Sesso: Maschio
  • silvio marconi, antropologo e ingegnere
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #9 il: 04 Dicembre, 2007, 20:34:43 pm »
federep, da circa 40 anni si susseguono studi accademici,  ricerche, ecc. (su cui era perfino basato il film di Marco Belocchio "Sbatti il mostro in prima pagina", con Gian Maria Volonté, addirittura del 1972!!!) che dimostrano come é proprio sui titoli che si pera per diffondere stereotipi, specie nella cronaca nera (ma non solo); le più recenti sono di "Lettera 22" e di "Archivio Immigrazione".

"Il Giornale" (senza che l'Ordine dei Giornalisti possa fare nulla) poi é famoso (assieme a "Libero" e alla "Padania": vedi le analisi fatte anche da Marco Travaglio) per usare sistematicamente questa tecnica che ti riassumo in poche parole (e che fu portata al massimo livello da Goebbels in Germania):
- si sceglie un "nemico" collettivo da demonizzare (gli Ebrei i Musulmani, i Cinesi, i Rom,  gli immigrati, i gay, ecc.);
- si costruisce l'immagine nera del "nemico" inventando crimini da attribire al gruppo collettivamente o attribuendo al gruppo collettivamente crimini compiuti da specifiche persone che ne fanno parte (es.: un Rom che stupra e ammazza una donna italiana diventa "DONNA ITALIANA STUPRATA E AMMAZZATA DAI ROM" al plurale, ossia da TUTTI i Rom);
- si elimina (NEI TITOLI, appunto) ogni riferimento "etnico" dei criminali se
non fanno parte del gruppo bersaglio (es.: non si scrive MAI "Lombardo stupra....", "Romano massacra....", "Vicentino arrestato per spaccio....", ec.) e si fa altrettanto per i riferimenti "etnici" delle vittime se fanno parte del "gruppo bersaglio" che non va mai presentato come fatto anche di vittime (es.: non si dice nel titolo che la rapita é cinese, ma si dice che lo sono i rapitori);
- se si pu? si opera anche nel corpo dell'articolo (ad esempio, magari parlando senza prove e facendosi scudo di dichiarazioni non firmate di "investigatori", subito, di MAFIA CINESE) ma ricorda che il 50% dei letori legge SOLO I TITOLI (salvo di 4-5 articoli che li interessano) e che i titoli sono anche esposti dai giornalai e li legono anche i non letori, oltre che esere citati nelle "rassegne stampa" tv!

Ci sono state addirittura tesi di laurea in Scienza delle Comunicazioni su questi temi, perché dici che la mia analisi é "estrema"?
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cavallo »
"anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti" (Fabrizio De André)

Eloy

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 162
    • Mostra profilo
Re: che fareste a gente del genere?
« Risposta #10 il: 04 Dicembre, 2007, 20:51:19 pm »
Citazione da: "goldendragon"
http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/cronaca/liberata-cinese/liberata-cinese/liberata-cinese.html

i 14enni nn sono ragazzini!! :evil:  :evil:  :evil:
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da Eloy »
\"cosa siamo noi dinanzi all\'infinito?\"

cilex

  • Livello: Cittadino del Mondo
  • *****
  • Post: 4.468
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #11 il: 04 Dicembre, 2007, 22:04:47 pm »
Citazione da: "marcowong"
spero che siano condannati alla pena più alta prevista dal codice.


si infatti, anch'io chiederei la pena di morte. :evil:  :evil:
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da cilex »
Non lasciatevi scoraggiare da coloro che delusi dalla vita, sono diventati sordi ai desideri più profondi ed autentici del loro Cuore!!!

Giovanni Paolo II 16.X.1978 - 2.IV.2005

dorian

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.252
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #12 il: 04 Dicembre, 2007, 22:16:28 pm »
federep
siamo così...
ancora all'abc...........(della comprensione dei mass media)...
di discutere della titolazione di un articolo e/o del suo contenuto ?
ci fai o ci sei ?
 :)  :)  :)
comunque non è mai sempre tardi...
ad apprendere le spiegazioni (ovvie)
ma così ancora necessarie
come quelle espresse da cavallo...
 :)  :)  :)

p.s.
federep = repubblica federale ?
p.s.s.
di quale entità geografica o politica repubblica federale ?
p.p.s.s.
una risposta in merito... sarebbe bene accetta federep !
 :)  :)  :)
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da dorian »

federep

  • Livello: Straniero / Laowai ben inserito
  • ***
  • Post: 260
    • Mostra profilo
intendevo nel caso specifico
« Risposta #13 il: 04 Dicembre, 2007, 22:22:53 pm »
Cavallo, dovevo forse precisare, intendevo dire che la tua analisi era "estrema" (anche qua avrei fatto bene a usare "inadatta al caso in questione") in questo caso specifico....

Non davo un giudizio positivo sulla discutibilissima politica editoriale complessiva de "il Giornale" (che  comunque a volte fa "scoop" che neanche Travaglio ha il coraggio di raccontare per ovvi motivi ideologici) che io personalmente non metterei proprio sullo stesso piano di un giornale come "la Padania", ma mi riferivo solo alla scelta editoriale per questo articolo....
Certo ai lettori del Giornale fa più impressione che i rapitori siano cinesi e non che la rapita sia cinese...D'altronde non fa più scalpore la notizia che dei minorenni (invece che degli adulti) abbiano stuprato o ammazzato piuttosto che la vittima sia minorenne o no? Ci? si basa sullo convinzione comune (ogni giorno sempre più smentita purtroppo) che i minorenni siano meno inclini a compiere certi reati violenti e che invece le vittime possano essere dei soggetti deboli (mi ero sorpreso due volte quando uno spacciatore marocchino di 15 anni aveva stuprato una donna di 29 a torino e quando un baby-ganger italiano di 15 anni aveva fatto scendere una donna di 30 anni dalla sua auto sotto la minaccia di una pistola per stuprarla a napoli)...Anche nel caso nel caso del rapimento "cinese" sono sicuro che la cosa che ha colpito di più (in particolare gli investigatori) è che questo sequestro sia stato fatto da criminali di nazionalità cinese proprio perchè non si erano mai verificati casi simili (o perlomeno non si erano mai avute denunce). Difatti se si sente parlare di sequestri siamo propensi a pensare ad altri generi di criminali... Questo però ovviamente NON AUTORIZZA i giornalisti a fare passi avanti (che in certi articoli di quotidiani locali trevigiani sono stati fatti!) e di parlare di "mafia cinese" e balle varie..(soprattutto se si tratta di delinquenti da 4 soldi) perchè è poi anche da lì che nascono i pregiudizi della gente.
 Mi sembra che stavolta ci sia presunzione di colpevolezza nei confronti del "Giornale"...si rischia di fare gli stessi ragionamenti dei razzisti (all'inverso magari). Comunque solo il direttore Belpietro saprebbe dirci la verità!

Ritengo invece significativo la totale mancanza di "empatia" mediatica che si ha in molti altri casi di rapimenti quando la vittima non è cinese..(o forse la famiglia ha scelto la massima discrezione, oppure per i giornali italiani una ragazzina di origine cinese non vale la pena -commerciale- di creare una campagna mediatica di sensibilizzazione). E questo se lo notiamo avviene (anzi non avviene) su tutti i media a prescindere dal colore politico-ideologico.

La cosa più grave in Italia è che i giornali si mettano a fare politica anche nelle notizie di ordine più basso e che arrivino a produrne di false o tendenziose pur di seguire certe linee ideologiche (mi hanno raccontato un caso grave l'altra settimana)... arriveremo a leggerci i rapporti di polizia e le sentenze della magistratura pur di avere notizie oggettive (anche se "contaminazioni" ce le possiamo avere pure li') ?
........

P.S. Dove la trovo la statistica che il 50% dei lettori legge solo i titoli degli articoli?
Marco, io penso che se uno è colpito dal titolo di un articolo sia interessato a leggerlo...un rapimento di una 14enne stimola sempre l'interesse ad approfondire l'articolo proprio per la giovane età della vittima (al di là delle varie nazionalità).
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da federep »

dorian

  • Livello: Cittadino del forum di AssoCina
  • ****
  • Post: 1.252
    • Mostra profilo
(Nessun oggetto)
« Risposta #14 il: 04 Dicembre, 2007, 22:33:43 pm »
Mi sembra che stavolta ci sia presunzione di colpevolezza nei confronti del "Giornale"...si rischia di fare gli stessi ragionamenti dei razzisti (all'inverso magari). Comunque solo il direttore Belpietro saprebbe dirci la verità!
Ritengo invece significativo la totale mancanza di "empatia" mediatica che si ha in molti altri casi di rapimenti quando la vittima non è cinese...

federep ci fai o ci sei ?

belpietro la verità...?
mancanza di empatia quando la vittima non è cinese ?

stai scherzando nevvero ?

 8O  8O   :-D
 :evil:  :evil:  :evil:
 :twisted:  :twisted:
 :!:
« Ultima modifica: 01 Gennaio, 1970, 01:00:00 am da dorian »